Il MAXXI di Roma dedica una mostra al Gio Ponti architetto


Dal 27 novembre 2019 al 13 aprile 2020, il MAXXI di Roma ospita la mostra ’Amare l’architettura’, interamente dedicata a Gio Ponti.

A quarant’anni dalla sua scomparsa, il MAXXI di Roma dedica a Gio Ponti (Milano, 1891 - 1979) una grande retrospettiva, dal 27 novembre 2019 al 13 aprile 2020, intitolata Amare l’architettura, che ne studia e comunica la poliedrica attività, a partire proprio dal racconto della sua architettura.

Dal disegno di oggetti d’uso quotidiano all’invenzione di soluzioni spaziali per la casa moderna, alla realizzazione di progetti complessi calati nel contesto urbano, come il grattacielo Pirelli a Milano o la cattedrale di Taranto, la progettualità di Ponti si caratterizza proprio per il passaggio disinvolto di scala in scala.

Realizzata in collaborazione con il CSAC di Parma e Gio Ponti Archives, la mostra presenta materiali archivistici, modelli, fotografie, libri, riviste, e oggetti che permettono di scoprire un protagonista eccellente della produzione italiana di architettura, il cui lavoro ha lasciato tracce importanti in diversi continenti.

La mostra apre dal 27 novembre 2019 al 13 aprile 2020.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale del MAXXI.

Nell’immagine: Gio Ponti, Casa al Quartiere Harar Dessié, Milano 1950-55

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraGio Ponti. Amare l'architettura
CittàRoma
DateDal 27/11/2019 al 13/04/2020

Il MAXXI di Roma dedica una mostra al Gio Ponti architetto
Il MAXXI di Roma dedica una mostra al Gio Ponti architetto


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma