La ragazza afghana di McCurry arriva per la prima volta in Veneto


Palazzo Sarcinelli a Conegliano ospita in mostra le immagini più iconiche di Steve McCurry. Dal 23 dicembre 2020. 

Dal 23 dicembre 2020 al 2 maggio 2021 le immagini iconiche del celebre fotografo Steve McCurry saranno in mostra a Conegliano, presso Palazzo Sarcinelli.

Per la prima volta in Veneto saranno presentate oltre cento fotografie, in occasione di Icons, per ripercorrere le molteplici esperienze artistiche e di reportage di McCurry, dai primi viaggi in India e in Afghanistan. 

Attraverso il suo obiettivo, il fotografo pone l’attenzione sull’umanità del soggetto: con i suoi scatti trasmette il volto umano che si cela in ogni angolo della terra. 

In mostra le sue più grandi icone: ritratti, immagini di guerra, culture extraoccidentali. Le sue immagini sono pura poesia, capaci di suscitare sofferenza e gioia, stupore e ironia. 

Motore della sua ricerca è la curiosità, che lo spinge ad attraversare ogni confine fisico, linguistico e culturale.  

Nel ritratto fotografico Steve McCurry riesce a esprimere pienamente il proprio stile e ogni siua foto racconta una storia capace di comunicare la complessità di un intero contesto.  Celebre è la ragazza afghana, diventata simbolo della tragedia dell’Afghanistam e della dignità con cui il suo popolo ha affrontato la guerra e l’esilio. La fotografia venne scatta in Pakistan, vicino a Peshawar, in uno spazio per i rifugiati, e venne pubblicata per la prima volta nel 1985. 

La mostra è a cura di Biba Giacchetti ed è organizzata da Artika in collaborazione con Sudest 57 e Città di Conegliano. 

Immagine:  Peshawar, Pakistan, 1984. ©Steve McCurry

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraIcons
CittàConegliano
SedePalazzo Sarcinelli
DateDal 23/12/2020 al 02/05/2021
ArtistiSteve McCurry
TemiSteve McCurry, Conegliano, Palazzo Sarcinelli

La ragazza afghana di McCurry arriva per la prima volta in Veneto
La ragazza afghana di McCurry arriva per la prima volta in Veneto


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Dal romanticismo di Hayez al divisionismo di Segantini e Previati, a Lecco è in mostra il grande Ottocento lombardo
Dal romanticismo di Hayez al divisionismo di Segantini e Previati, a Lecco è in mostra il grande Ottocento lombardo
Al Mart la prima antologica italiana di Richard Artschwager
Al Mart la prima antologica italiana di Richard Artschwager
A Roma una mostra dedicata a Vanni Scheiwiller, il giornalista e critico d'arte nipote di Adolfo Wildt
A Roma una mostra dedicata a Vanni Scheiwiller, il giornalista e critico d'arte nipote di Adolfo Wildt
Artisti contemporanei nel segno di Warburg. Il rituale del serpente a Bagnacavallo
Artisti contemporanei nel segno di Warburg. Il rituale del serpente a Bagnacavallo
Il Prado omaggia per la prima volta con un'antologica Bartolomé Bermejo
Il Prado omaggia per la prima volta con un'antologica Bartolomé Bermejo
A Pisa una mostra dedicata al grande regista Alfred Hitchcock
A Pisa una mostra dedicata al grande regista Alfred Hitchcock