L'arte che nasce dalle armi usate in una sanguinosa guerra civile. Le opere di Gonšalo Mabunda in mostra a Pietrasanta


Dal 19 maggio al 30 giugno 2019, la Galleria Giovanni Bonelli di Pietrasanta ospita la mostra ’Il creatore nascosto’, personale di Gonçalo Mabunda.

S’intitola Il creatore nascosto ed è la personale che vede protagonista Gonçalo Mabunda (Maputo, 1975), artista originario del Mozambico (paese che rappresenta all’edizione 2019 della Biennale di Venezia), dal 19 maggio al 30 giugno 2019 alla Galleria Giovanni Bonelli di Pietrasanta. La rassegna, curata da Alessandro Romanini, espone venti sculture dell’artista create utilizzando materiali bellici smantellati come proiettili, parti di fucili e mitragliatrici, usati nella lunga e sanguinosa guerra civile che dal 1975 al 1991 ha insanguinato il suo paese. Mabunda si appropria degli scarti bellici che vengono smontati e poi riassemblati per formare maschere e troni dalle reminiscenze tribali caratteristiche della cultura sub-sahariana.

L’inizio di questa sua particolare produzione va ricercato nel programma governativo chiamato Trasformare le pistole in speranze, al quale Mabunda partecipò già dal 1995. Scopo del progetto era raccogliere le armi ancora estremamente diffuse sul territorio segnato dalla guerra civile appena conclusa, e distruggerne la gran parte mentre la quantità residuale, veniva consegnata agli artisti, chiedendo loro di “trasformarle” in modo creativo. Le maschere di Mabunda hanno la forza evocativa e mantengono le valenze simboliche e rituali delle antiche maschere tribali africane facenti parte della cultura e della tradizione con le quali l’artista è nato cresciuto. Con le sue creazioni Mabunda condanna le atrocità della guerra e soprattutto ne mette in evidenza in chiave metaforica e simbolica, gli indissolubili legami con l’esercizio del potere politico.

I troni, simbolo del dominio conquistato con le armi di cui sono composti, diventano allo stesso tempo denunce della vacuità di un governo ottenuto con la violenza e un cortocircuito tra la modernità tecnologica (di cui le armi sono espressione) e l’ancestralità dei riti del popolo mozambichiano e della sua memoria collettiva. “Mabunda”, dichiara il curatore Alessandro Romanini, “si presenta quindi come creatore, nel senso letterale di costruttore, come colui che rende visibile, attraverso il lavoro di scomposizione e ricomposizione della forma, di un senso ulteriore delle cose. Un mediatore in grado di far ascendere la dimensione personale e quella del suo popolo a una dimensione di valore universale. Il nascosto, evocato nel titolo si riferisce alla nuova possibilità di esistenza di oggetti (le armi) all’interno di una struttura estetica che in nessun modo ne mitiga l’impatto aggressivo ma che lo incanala in una nuova possibilità di senso che diventa, per contrasto, denuncia ed epifania di una nuova forma di vita e di relazione sociale possibili”.

Gonçalo Mabunda vive e lavora a Maputo. Nonostante l’infanzia trascorsa in un paese devastato dalla guerra civile, Mabunda ha potuto frequentare le scuole della capitale del Mozambico, Maputo: ha iniziato a dipingere a 17 anni e dai 22 anni ha iniziato a lavorare come artista a tempo pieno. Ha al suo attivo la partecipazione ad esposizioni in prestigiose istituzioni di livello internazionale quali ad esempio: il Centre Georges Pompidou di Parigi (2005); il Mori Museum di Tokyo (2006); il Guggenheim di Bilbao (2016); Palazzo Reale di Milano (2016); il Palais de Tokyo di Parigi (2018). La sua prima presenza alla Biennale di Venezia risale al 2015 mentre quest’anno, come anticipato, è stato selezionato per rappresentare il Mozambico nel padiglione nazionale. A livello internazionale collabora con la Jack Bell Gallery di Londra. Numerosi riconoscimenti internazionali gli sono stati conferiti per il suo impegno di attivista contro la guerra trasmesso attraverso i suoi lavori.

La mostra apre dal martedì al sabato dalle 10:30 alle 13 e dalle 15 alle 19:30. Ingresso libero. Catalogo in galleria.

Nell’immagine: Gonçalo Mabunda, Untitled (Throne) (2018-2019; tecnica mistra). foto Nicola Gnesi

L'arte che nasce dalle armi usate in una sanguinosa guerra civile. Le opere di Gonšalo Mabunda in mostra a Pietrasanta
L'arte che nasce dalle armi usate in una sanguinosa guerra civile. Le opere di Gonšalo Mabunda in mostra a Pietrasanta


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER