Arriva a Venezia la mostra sull'arte precolombiana della collezione Ligabue


Dal 12 gennaio al 30 giugno 2018 a Venezia è di scena la mostra ’Il mondo che non c’era. L’arte precolombiana nella Collezione Ligabue’.

Dopo Firenze, Rovereto e Napoli, tocca a Venezia ospitare la mostra "Il mondo che non c’era. L’arte precolombiana nella Collezione Ligabue" dal 12 Gennaio al 30 Giugno 2018, presso il Palazzo Loredan, sede dell’Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti.

Promossa dalla Fondazione Giancarlo Ligabue con main sponsor Ligabue Group, l’esposizione darà al visitatore l’opportunità di scoprire le antiche civiltà della cosiddetta Mesoamerica. La mostra sarà arricchita dalle rare maschere in pietra di Teotihucan, la più grande città della Mesoamerica, dai vasi Maya d’epoca classica, fonti autorevoli di informazioni grazie alle loro decorazioni e iscrizioni, dalle statuette antropomorfe della cultura Olmeca, che tanto affascinarono anche Frida Kahlo e Diego Rivera, e dalle sculture Mezcala.

Ci sarà anche spazio dedicato alle colture con cui le antiche civilta precolombiane garantivano nutrimento come il cacao, le patate e il mais. Ideata poco dopo la scomparsa dell’imprenditore e paleontologo Giancarlo Ligabue, vuole essere anche un omaggio all’appassionato collezionista e studioso di archeologia da parte del figlio Inti Ligabue. L’evento è curato da André Delpuech e Jacques Blazy, specialista delle arti pre-ispaniche.

Arriva a Venezia la mostra sull'arte precolombiana della collezione Ligabue
Arriva a Venezia la mostra sull'arte precolombiana della collezione Ligabue


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER