Un'opera di Fabio Viale nel Battistero di Pietrasanta


Infinito, opera in marmo nero di Fabio Viale, arriva al Battistero di Pietrasanta, per un evento curato da Enrico Mattei.

Infinito, opera del celebre scultore contemporaneo Fabio Viale (Cuneo, 1975), arriva in mostra al Battistero del Duomo di Pietrasanta dal 6 agosto al 30 settembre 2018. Il Battistero, teatro di appuntamenti di arte contemporanea ideati dal curatore Enrico Mattei, si apre dunque all’arte dello scultore piemontese, che con Infinito promette di dialogare in maniera proficua con il contesto che la ospita, aggiungendo e interagendo. Infinito è una scultura in marmo nero che rappresenta due pneumatici inanellati, ricavati da un unico blocco, che somigliano quasi a due fedi nuziali e di conseguenza all’unione di due persone per una procreazione futura che porterà al primo dei sacramenti della Chiesa cattolica, il Battesimo.

“Si tratta”, si legge nella presentazione, “di un incontro di connessioni che creano un corto-circuito di piani emozionali, generando uno spiazzamento percettivo dovuto alla riconsiderazione del peso del ruolo dello spazio espositivo e dell’opera nello stesso. Lo spettatore dismette le abitudini relazionali consuete, confrontandosi con l’opera attraverso modalità condizionate dal portato di sacralità intima del luogo e della non convenzionalità dello stesso, in termini di apparizione e approccio, dando vita ed emozioni non comuni”.

Infinito si può ammirare tutti i giorni dalle 8 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 24. L’ingresso è libero.

Un'opera di Fabio Viale nel Battistero di Pietrasanta
Un'opera di Fabio Viale nel Battistero di Pietrasanta


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER