La neve rischia di scomparire per sempre. Al MUSE si indaga il rapporto uomo/natura


Al MUSE di Trento il progetto di Laura Pugno Over Time indaga il rapporto tra uomo e natura attraverso uno sguardo sulla neve che rischia di scomparire per sempre.

Dal 9 luglio al 26 settembre 2021 il MUSE - Museo delle Scienze di Trento, nella sede di Palazzo delle Albere, presenta la videoinstallazione a tre canali dal titolo Over Time, progetto di Laura Pugno (Trivero, 1975) sviluppato e prodotto da a.titolo e curato da Andrea Lerda. Il progetto è uno dei vincitori della IX edizione di Italian Council (2020). 

Over Time esplora, secondo nuove prospettive, il rapporto tra essere umano e ambiente naturale, tema centrale nella ricerca di Laura Pugno, attraverso lo sguardo sulla neve che condiziona climi, sistemi di vita ed economie. L’opera sviluppa l’indagine sulla neve iniziata dall’artista nel 2018 e condotta mediante disegni, sculture, fotografie, installazioni e un ciclo di opere su carta dedicate a Wilson Bentley, fotografo che a fine Ottocento immortalò per primo i fiocchi di neve. Risorsa per le economie di montagna e fonte di immaginari, la neve rischia tuttavia di scomparire a causa dei cambiamenti climatici e dell’azione antropica. Il progetto intende esplorare le ragioni del nostro legame affettivo con la neve e del nostro bisogno di vivere, studiare e ricreare quest’ultima nell’era dell’Antropocene.

Il titolo rimanda alla nozione di tempo, quello contingente dello stato fisico transitorio della neve e quello geologico della formazione dei ghiacciai, in relazione all’urgenza di agire per contrastare gli effetti del riscaldamento globale. Lo sguardo critico, che conduce il pubblico a confrontarsi con il concetto di fallimento si intreccia con una narrazione dai toni più rassicuranti, nella quale il tempo è uno spazio in divenire, risultato di una possibile relazione empatica tra la specie umana e il pianeta.

Il progetto intende condurre i visitatori a esplorare i costrutti culturali e antropologici che hanno causato la crisi ecologica attuale e a osservare, attraverso la scienza e l’industria, l’evoluzione nella relazione tra naturale e artificiale. L’opera è dunque un racconto multifocale che ruota attorno al tempo meteorologico e alle sfide che l’umanità deve affrontare in un’epoca caratterizzata dal surriscaldamento globale, dalla scomparsa dei ghiacciai e da una crescente carenza idrica a livello globale.

Over Time è composta da tre video proiettati contemporaneamente: il primo è stato girato a 2901 metri di altitudine nei pressi dell’Istituto intitolato ad Angelo Mosso, il medico, fisiologo e archeologo italiano (1846- 1910) che per primo studiò la resistenza del corpo umano ad alta quota e in condizioni sfavorevoli, situato sul Passo dei Salati, nel gruppo montano del Monte Rosa tra Piemonte e Valle d’Aosta. Protagonista è il docente Michele Freppaz, nivologo dell’Università degli Studi di Torino, che si occupa di una serie di analisi scientifiche sulla neve. Il secondo è ambientato in un’azienda di aerosol che produce neve spray nei pressi di Cremona, mentre il terzo è realizzato nei boschi dell’Oasi Zegna, a nord del Piemonte, dove una figura umana cammina in un paesaggio innevato portando sulle spalle un busto in gesso. 

Le musiche di Over Time sono state composte e prodotte dalla sound artist zurighese Magda Drozd.

Il progetto è realizzato grazie al sostegno della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura nell’ambito del programma Italian Council (IX edizione, 2020), con la collaborazione del MUSE - Museo delle Scienze di Trento, del DISAFA, Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari dell’Università degli Studi di Torino e di altre otto istituzioni artistiche, italiane ed estere, che ne ospiteranno gli appuntamenti a partire dall’estate 2021, con l’intento di raccogliere una molteplicità di voci e sguardi, dando forma a un dialogo transdisciplinare che riflette l’impostazione del progetto: la Fondazione Zegna a Trivero, Cittadellarte Fondazione Pistoletto a Biella, l’Associazione Culturale AGIVERONA con l’Università di Verona, le OGR - Officine Grandi Riparazioni di Torino nell’ambito del public program curato dalla Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT e all’estero il Musée Gassendi / CAIRN Centre d’Art di Digne-les-Bains (Francia), le istituzioni non profit A Tale of a Tub a Rotterdam (Paesi Bassi), SÜDPOL, Lucerna (Svizzera) e il Centre d’Art Contemporain di Ginevra (Svizzera).

Per info: www.muse.it

Orari: Da martedì a venerdì dalle 10 alle 18; sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 19. Ingresso gratuito.

Immagine: Laura Pugno, Over Time (2021; still da video 4K, 15’)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraOver Time
CittàTrento
SedeMUSE - Museo delle Scienze
DateDal 09/07/2021 al 26/09/2021
ArtistiLaura Pugno
CuratoriAndrea Lerda
TemiTrento, MUSE - Museo delle Scienze, Laura Pugno, Over Time, rapporto uomo/natura

La neve rischia di scomparire per sempre. Al MUSE si indaga il rapporto uomo/natura
La neve rischia di scomparire per sempre. Al MUSE si indaga il rapporto uomo/natura


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma