I moti dell'animo di Leonardo da Vinci celebrati con un'installazione al Museo del Cinema di Torino


Il Museo Nazionale del Cinema dedica allo studio di Leonardo da Vinci sui “moti dell’animo” un’installazione multisensoriale che intende mettere in dialogo i ritratti fisiognomici realizzati dall’artista con le sue descrizioni degli “accidenti mentali”, artefici dei movimenti del volto. L’installazione costituisce la premessa della mostra dedicata a al rapporto tra la fisiognomica e la messa in scena dei caratteri e delle emozioni, dall’antichità fino agli emoji del mondo web e alle nuove tecnologie. L’installazione, che s’intitola Leonardo da Vinci e i moti dell’animo, si può vedere al museo torinese dal 17 luglio 2019 al 6 gennaio 2020.

Per l’occasione è in programma la proiezione-evento del film muto Leonardo Da Vinci riproposto a 100 anni dalla sua uscita. Il film, che ricostruisce per la prima volta sullo schermo la vita dell’artista, è stato prodotto nel 1919 dalla Historica Film e diretto da Mario Corsi e Giulia Cassini-Rizzotto, una delle poche donne registe del cinema muto. La pellicola è stata ritrovata nel 1996 e restaurata nel 2008 dalla Cineteca Nazionale di Roma.

Il film sarà riproposto con la proiezione sui maxi schermi dell’Aula del Tempio della Mole Antonelliana e sonorizzato dal vivo da Giorgio Li Calzi.

Per tutte le informazioni potete telefonare al numero +39 011 8138 560 / 561 oppure visitare il sito ufficiale del museo.

Fonte: comunicato

I moti dell'animo di Leonardo da Vinci celebrati con un'installazione al Museo del Cinema di Torino
I moti dell'animo di Leonardo da Vinci celebrati con un'installazione al Museo del Cinema di Torino


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER