A quarant'anni dal trasferimento in Puglia di Lisetta Carmi, Lecce le dedica un'antologica


Il Castello Carlo V di Lecce ospita dal 6 maggio al 5 settembre 2021 l’antologica Lisetta Carmi. Gli altri. 

Le sale del Castello Carlo V di Lecce accoglieranno dal 6 maggio al 5 settembre 2021 la mostra Lisetta Carmi. Gli altri, a cura di Roberto Lacarbonara, Giovanni Battista Martini e Alessandro Zechini. 

L’antologica di Lisetta Carmi (Genova, 1924) si tiene a quarant’anni dal trasferimento della fotografa ligure in Puglia, a Cisternino, nel 1971, dove sceglie di vivere e di fondare l’Ashram internazionale ispirato al guru indiano Babaji Herakhan Baba. In mostra saranno esposti oltre sessanta scatti sui temi principali della sua ricerca fotografica orientata da sempre sull’indagine delle marginalità sociali, sul lavoro e sui territori del meridione. Accanto alle fotografie dedicate al Porto di Genova e all’Italsider, si troveranno scatti dedicati alla Puglia, alla Sardegna e alla Sicilia. 

La fotografa è stata tra i primi a occuparsi in maniera radicale dell’identità di genere: quando nel 1972 le sue foto furono raccolte in un libro pubblicato dalla casa editrice Essedì di Roma, le librerie si rifiutano di esporlo. Lisetta Carmi aveva iniziato a fotografare i transessuali a Genova nel 1965 e aveva proseguito per sette anni fino alla pubblicazione de I Travestiti

Una sala della rassegna è inoltre dedicata a uno degli incontri più significativi dell’esperienza fotografica di Lisetta Carmi, quello con Ezra Pound. La sequenza di dodici scatti realizzati a Sant’Ambrogio di Zoagli nel 1966 riprende lo sguardo abissale e perduto del poeta americano, trasferitosi in Italia con sua moglie Dorothy Shakespeare dopo il rilascio dal manicomio di St. Elizabeths (Washington).

Nonostante la decisione di abbandonare la sua attività alla fine degli anni Settanta, la fotografa assume sempre più un’indiscussa centralità nella storia della fotografia italiana e sono molte le mostre e le pubblicazioni incentrate sulla sua produzione: l’importante retrospettiva del 2015 a Genova, quella del Museo di Roma in Trastevere nel 2017 e del MAN di Nuoro (2021), e la partecipazione all’ultima Quadriennale di Roma (2021). 

La mostra è un progetto di Kunstschau e RTI Theutra Oasime di Lecce, Arte Contemporanea Picena di Ascoli Piceno in collaborazione con l’Archivio Lisetta Carmi di Genova, con il patrocinio del Comune di Lecce. Dopo Lecce, la rassegna sarà ospitata nel Museo Osvaldo Licini di Ascoli Piceno (da settembre a novembre 2021). 

Per info e prenotazioni: +39 0832 246517, mail castellocarlov@gmail.com

Orari: dalle 9.30 alle 13 e dalle 16 alle 20.
Biglietti: Intero 8 euro, ridotto 6 euro.

Immagine: Lisetta Carmi, I travestiti, La Cabiria (1965-1970; 24 x 30 cm) © Lisetta Carmi-Martini & Ronchetti

A quarant'anni dal trasferimento in Puglia di Lisetta Carmi, Lecce le dedica un'antologica
A quarant'anni dal trasferimento in Puglia di Lisetta Carmi, Lecce le dedica un'antologica


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma