Una mostra su Marisa Merz a Lugano ripercorre il suo intero orizzonte creativo


Dal 22 settembre 2019 al 12 gennaio 2020, la Collezione Olgiati a Lugano presenta la mostra ’Marisa Merz. Geometrie sconnesse palpiti geometrici’.

Marisa Merz, unica esponente femminile del gruppo dell’Arte Povera, e scomparsa solo pochi giorni fa, verrà celebrata a Lugano con la mostra Geometrie sconnesse palpiti geometrici, che si terrà presso la Collezione Giancarlo e Danna Olgiati dal 22 settembre 2019 al 12 gennaio 2020. Si tratta di fatto della prima mostra postuma dedicata alla grande artista.

Curata da Beatrice Merz e sviluppata in collaborazione con la Fondazione Merz, la mostra ripercorre l’intero orizzonte creativo di Marisa Merz: dal disegno su diversi supporti alla scultura in argilla cruda, dalle tessiture di filo di rame e di nylon agli oggetti trasformati in cera, il tutto per far conoscere tutte le modalità espressive proprie dell’artista, mettendo in luce una tematica ricorrente nella sua produzione, ovvero l’indagine sul volto o sulla figura, individuata come punto di riferimento nel percorso espositivo.

L’esposizione è accompagnata da un catalogo, in italiano ed inglese, con testi di Beatrice Merz e degli storici dell’arte Ester Coen e Douglas Fogle.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale della Collezione Giancarlo e Danna Olgiati, telefonare al numero +41 (0)91 921 46 32, oppure mandare una mail a info@collezioneolgiati.ch.

Nell’immagine: Marisa Merz, Senza titolo (1976), tecnica mista su tavola di cera, 18 x 30 x 20 cm, Collezione Giancarlo e Danna Olgiati, Lugano © Roberto Pellegrini

Fonte: MASILugano

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraMarisa Merz. Geometrie sconnesse palpiti geometrici
CittàLugano
SedeCollezione Giancarlo e Danna Olgiati
DateDal 22/09/2019 al 12/01/2020
ArtistiMarisa Merz
CuratoriBeatrice Merz
TemiArte Povera

Una mostra su Marisa Merz a Lugano ripercorre il suo intero orizzonte creativo
Una mostra su Marisa Merz a Lugano ripercorre il suo intero orizzonte creativo


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Anthropocene al MAST di Bologna chiude con 155mila visitatori
Anthropocene al MAST di Bologna chiude con 155mila visitatori
Il genio di Francesco Francia, maestro del Rinascimento emiliano, in mostra a Bologna
Il genio di Francesco Francia, maestro del Rinascimento emiliano, in mostra a Bologna
A Napoli la prima retrospettiva di Liam Gillick, autore di opere video-filmiche
A Napoli la prima retrospettiva di Liam Gillick, autore di opere video-filmiche
Fato e destino nell'arte dall'antichità ai giorni nostri: una mostra a Mantova con opere di Klimt, Wildt e tanti altri
Fato e destino nell'arte dall'antichità ai giorni nostri: una mostra a Mantova con opere di Klimt, Wildt e tanti altri
Futuruins, la mostra a Palazzo Fortuny che riflette sul senso delle rovine
Futuruins, la mostra a Palazzo Fortuny che riflette sul senso delle rovine
Una mostra su Alberto Burri e sul Grande Cretto di Gibellina a Riva del Garda
Una mostra su Alberto Burri e sul Grande Cretto di Gibellina a Riva del Garda