Una mostra su Marisa Merz a Lugano ripercorre il suo intero orizzonte creativo


Dal 22 settembre 2019 al 12 gennaio 2020, la Collezione Olgiati a Lugano presenta la mostra ’Marisa Merz. Geometrie sconnesse palpiti geometrici’.

Marisa Merz, unica esponente femminile del gruppo dell’Arte Povera, e scomparsa solo pochi giorni fa, verrà celebrata a Lugano con la mostra Geometrie sconnesse palpiti geometrici, che si terrà presso la Collezione Giancarlo e Danna Olgiati dal 22 settembre 2019 al 12 gennaio 2020. Si tratta di fatto della prima mostra postuma dedicata alla grande artista.

Curata da Beatrice Merz e sviluppata in collaborazione con la Fondazione Merz, la mostra ripercorre l’intero orizzonte creativo di Marisa Merz: dal disegno su diversi supporti alla scultura in argilla cruda, dalle tessiture di filo di rame e di nylon agli oggetti trasformati in cera, il tutto per far conoscere tutte le modalità espressive proprie dell’artista, mettendo in luce una tematica ricorrente nella sua produzione, ovvero l’indagine sul volto o sulla figura, individuata come punto di riferimento nel percorso espositivo.

L’esposizione è accompagnata da un catalogo, in italiano ed inglese, con testi di Beatrice Merz e degli storici dell’arte Ester Coen e Douglas Fogle.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale della Collezione Giancarlo e Danna Olgiati, telefonare al numero +41 (0)91 921 46 32, oppure mandare una mail a info@collezioneolgiati.ch.

Nell’immagine: Marisa Merz, Senza titolo (1976), tecnica mista su tavola di cera, 18 x 30 x 20 cm, Collezione Giancarlo e Danna Olgiati, Lugano © Roberto Pellegrini

Fonte: MASILugano

Una mostra su Marisa Merz a Lugano ripercorre il suo intero orizzonte creativo
Una mostra su Marisa Merz a Lugano ripercorre il suo intero orizzonte creativo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER