A Siena in mostra i Capricci e le contrade di Tano Pisano


I Magazzini del Sale a Palazzo Pubblico di Siena accolgono dal 2 aprile al 5 giugno 2022 la mostra “Capricci” di Tano Pisano: esposte 150 opere.

Dal 2 aprile al 5 giugno 2022 gli spazi dei Magazzini del Sale a Palazzo Pubblico di Siena accolgono la mostra Capricci di Tano Pisano, promossa dal Comune, con il patrocinio della Regione Toscana.

Saranno esposte centocinquanta opere tra pitture a olio su tela e su carta, acquarelli, carboncini, incisioni, e poi sculture, ceramiche, vasi, meccani e mobiles (sculture in legno che si muovono). La rassegna sarà in parte il completamento del precedente capitolo artistico dedicato a Siena: ne Il gioco del cavallo infatti, allestita nella stessa sede nell’autunno del 2020, oltre a offrire variazioni sia stilistiche che tecniche sul tema dell’animale, l’artista aveva anche omaggiato con dipinti sette delle diciassette contrade senesi: l’Aquila, il Bruco, la Civetta, il Nicchio, la Chiocciola, l’Onda e l’Istrice. In Capricci, Tano Pisano omaggerà anche le altre dieci contrade (Drago, Giraffa, Leocorno, Lupa, Oca, Pantera, Selva, Tartuca, Torre e Valdimontone) con altrettante creazioni. “Omaggerò di nuovo le contrade di Siena”, afferma Pisano, “ma in maniera diversa. Nella mostra di due anni fa, quando dedicai un’opera a ciascuna delle prime sette contrade, c’era sempre il cavallo come soggetto principale e poi il simbolo della contrada accanto. Stavolta invece l’Oca, la Lupa e le altre che mancavano all’appello le ho dipinte a modo mio, sempre con una pittura figurativa, popolare”.

La novità di questa seconda esposizione senese sono i Capricci, creazioni fantastiche che hanno sempre accompagnato la lunga carriera dell’artista. Draghi, creature ai confini della realtà e della fantasia, ma anche invenzioni pure o di satira artistica, tutti stilemi tipici di Tano Pisano. I Capricci fecero la loro comparsa nel 2015 al Museu de la Mediterrània di Torroella de Montgrí, nella provincia spagnola di Girona, quando alle creature fantastiche di Tano Pisano venne dedicata un’intera mostra. “Abbiamo tutti bisogno di una certa normalità”, afferma Tano Pisano, “della ragione per evitare tutto quello che sta succedendo oggi nel mondo. Da questa riflessione sono nati i miei ’capricci’, animali, mostriciattoli, draghi che ci conducono alla libertà e che per la prima volta presento in Italia”.

Orari: Tutti i giorni dalle 10 alle 19.

Biglietti: Intero 6 euro, ridotto 4,50 euro.

Immagine: Tano Pisano, Zebra e lumaca (2019; vinilico su tela, 95 x 143 cm)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraCapricci
CittàSiena
SedePalazzo Pubblico
DateDal 02/04/2022 al 05/06/2022
ArtistiTano Pisano
TemiArte contemporanea, Siena

A Siena in mostra i Capricci e le contrade di Tano Pisano
A Siena in mostra i Capricci e le contrade di Tano Pisano


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Il V&A Museum dedica una mostra alle borse, la pił completa mai realizzata nel Regno Unito
Il V&A Museum dedica una mostra alle borse, la pił completa mai realizzata nel Regno Unito
Da Burri a Capogrossi, da Klein a Calder, l'Umbria degli artisti del Novecento in mostra a Perugia
Da Burri a Capogrossi, da Klein a Calder, l'Umbria degli artisti del Novecento in mostra a Perugia
Al Vittoriale le sculture di Mastroianni in dialogo con le poesie di D'Annunzio e Quasimodo
Al Vittoriale le sculture di Mastroianni in dialogo con le poesie di D'Annunzio e Quasimodo
 A Palazzo Barberini la Giuditta nella pittura tra Cinque e Seicento, da Caravaggio ad Artemisia
A Palazzo Barberini la Giuditta nella pittura tra Cinque e Seicento, da Caravaggio ad Artemisia
I colori di Joan Miró arrivano in Puglia. Le sue litografie esposte in tre sedi
I colori di Joan Miró arrivano in Puglia. Le sue litografie esposte in tre sedi
David di Donatello per i costumi del Pinocchio di Garrone. Oltre trenta in mostra al Museo del Tessuto di Prato
David di Donatello per i costumi del Pinocchio di Garrone. Oltre trenta in mostra al Museo del Tessuto di Prato