Apre al Vittoriano di Roma la mostra di Mao Jianhua


Apre al Complesso del Vittoriano di Roma la mostra ’The Timeless Dance. Beyond the mountains’ con opere del pittore cinese contemporaneo Mao Jianhua.

Da oggi fino al 26 Settembre è in corso la mostra “The Timeless Dance. Beyond the Mountains” dove è possibile ammirare le 99 opere di Mao Jianhua (Changsu, 1955), pittore cinese contemporaneo che spesso ha firmto le sue opere con gli pseudonimi di “Jizushanren” (uomo di Jizu, la montagna dove Mao si reca regolarmente per la meditazione) o “Zhuoweng” (uomo che segue la propria natura primordiale, mettendo da parte sovrastrutture ed elementi artificiali, ritornando all’infanzia e alla natura).

Le opere esposte, tutte eseguite con pennello e inchiostro su carta di cotone, raffigurano spazi all’aperto in cui Mao è solito recarsi e che voleva raffigurare in una dimensione che sta a metà strada tra la tradizione e la modernità in Cina senza che queste due forze si contrappongano, tutto questo nello stile pittorico chiamato Shan Shui che risale addirittura a millecinquecento anni fa.

La mostra, ad ingresso gratuito, è allestita presso il Complesso del Vittoriano – Ala Brasini di Roma con il sostegno dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano, della Regione Lazio e di Roma Capitale.

La mostra è aperta dal Lunedì al Giovedì dalle 9.30 alle 19.30, Venerdì e Sabato dalle 9.30 alle 22.00 e Domenica dalle 9.30 alle 20.30.

Immagine: Mao Jianhua, La danza dell’unione (inchiostro su carta, 564 x 204 cm)

Apre al Vittoriano di Roma la mostra di Mao Jianhua
Apre al Vittoriano di Roma la mostra di Mao Jianhua


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER