Markku Piri, un artista del vetro al MUVE di Murano


Fino al 7 gennaio al Museo del Vetro (MUVE) di Murano si può visitare la mostra di Markku Piri, artista e designer finlandese.

Il MUVE (Museo del Vetro) di Murano (Venezia) ospita, dal 7 ottobre 2017 al 7 gennaio 2018, la mostra Markku Piri. Vetro & Dipinti. Un finlandese nel paradiso di vetro di Murano, personale di Markku Piri (1955), uno dei più apprezzati artisti e designer finlandesi contemporanei, a proprio agio con la pittura ma anche con il vetro: a Murano porta le sue ultime ricerche, ispirate proprio dai luoghi in cui si tiene l’esposizione (l’eclettico artista infatti lavora da anni assieme ai vetrai muranesi). La mostra è l’ultima tappa di un tour che ha portato le creazioni di Markku Piri anche a Firenze (Palazzo Medici Riccardi) e a Roma (Museo Carlo Bilotti).

Nella mostra, allestita nella Sala Brandolini del MUVE, si possono ammirare sculture di piccole dimensioni ma anche grandi installazioni, stoffe, serigrafie e dipinti, per un totale di circa novanta opere d’arte. “Nel suo lavoro”, leggiamo nella presentazione, “Piri tende a raggiungere una perfetta armonia estetica progettando e realizzando i suoi vetri con la massima attenzione ai minimi particolari, nell’intento di esaltare le potenzialità estetiche del materiale d’adozione. Nascono così creazioni artistiche in vetro composte da oggetti unici e piccole serie di sculture realizzate insieme ai rinomati maestri muranesi Pino Signoretto, Gambaro &Tagliapietra, Simone Cenedese e Gianni Seguso, ma anche con i soffiatori della cooperativa finlandese Lasismi”. Obiettivo dell’esposizione è anche “quello di creare un dialogo fra le sculture in vetro tridimensionali e le opere d’arte bidimensionali, come nel caso delle serigrafie della serie Shadow Dances che dialogano con i vasi in vetro della collezione Raggi di Sole realizzati a Murano dal maestro Simone Cenedese; lo stesso vale per i dipinti e i tessuti, in un rapporto che coinvolge l’architettura, la natura e lo spazio, in un elaborato gioco di colori e di riflessi”.

La mostra, curata da Ritva Röminger-Czako, patrocinata dall’Ambasciata di Finlandia a Roma in collaborazione con il Consolato Onorario di Finlandia a Venezia, prevede richiami tanto alla tradizione muranese quanto a quella finnica: la Finlandia, infatti, vanta una lunga tradizione nella lavorazione del vetro. La mostra è visitabile negli orari d’apertura del museo, ovvero fino al 31 ottobre dalle 10 alle 18, e dal 1° novembre dalle 10 alle 17. Ultimo ingresso un’ora prima della chiusura. Biglietti: intero 10 euro, ridotto 7,50 euro (per under 25 e over 65, accompagnatori di scolaresche, personale del MiBACT, titolari carta Rolling Venice, soci FAI). Gratis per residenti e nati nel Comune di Venezia, bambini da 0 a 5 anni, diversamente abili con accompagnatore, guide turistiche abilitate e interpreti che accompagnano gruppi, un accompagnatore di gruppi ogni 15 persone, docenti che accompagnano scolaresche (massimo due per gruppo), membri ICOM, volontari del servizio civile, partner ordinari MUVE, possessori MUVE Friend Card, membri Venice International Foundation, possessori The CUltivist Card (con tre accompagnatori). Offerta famiglie: ridotto per tutti i componenti per famiglie composte da due adulti e almeno un ragazzo da 6 a 14 anni. Ridotto 4 euro per scolaresche. La mostra è accompagnata da un catalogo che illustra tutte le tre tappe del tour espositivo di Markku Piri tenutosi quest’anno in Italia.

Immagine: Markku Piri, Fusi orari (ph. credit Flavia Barbini)

Markku Piri, un artista del vetro al MUVE di Murano
Markku Piri, un artista del vetro al MUVE di Murano


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER