Al Mart lo storico duo Gianikian e Ricci Lucchi racconta i drammi del Novecento


Dal 22 febbraio al 31 maggio 2020 il Mart presenterà al pubblico l’ultima produzione di Gianikian e Ricci Lucchi entrata nelle collezioni del museo.

I diari. Yervant Gianikian Angela Ricci Lucchi sarà la prossima mostra allestita al Mart di Rovereto, visitabile al pubblico dal 22 febbraio al 31 maggio 2020.

Nei primi anni Duemila, il Mart ha avviato un’importante collaborazione con Yervant Gianikian (Merano, 1942) e Angela Ricci Lucchi (Lugo di Romagna, 1942 – Milano, 2018), vincitori nel 2015 del Leone d’Oro alla Biennale d’Arte di Venezia.

Negli ultimi decenni della sua carriera artistica, lo storico duo ha voluto indagare i grandi drammi del XX secolo, quali diaspore, guerre e genocidi, partendo da una rilettura di pellicole ritrovate e materiali d’archivio. 

Le collezioni del museo si sono appena arricchite de I diari di Angela. Noi due cineasti. Capitolo secondo (2019): si tratta del racconto dell’esperienza cinematografica complessa e personale con cui Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi hanno narrato le storie più tragiche del Novecento.

L’ultima opera entrata a far parte del museo trentino dialogherà in mostra con il Trittico del XX secolo (2002-2008): una video installazione coprodotta dal Mart, presentata al pubblico nel 2008 e riallestita per l’occasione negli spazi del secondo piano.

Per info: mart.trento.it

Immagine: Yervant Gianikian, Angela Ricci Lucchi, I diari di Angela. Noi due cineasti (2019; frame da video, Rovereto, Mart)

Al Mart lo storico duo Gianikian e Ricci Lucchi racconta i drammi del Novecento
Al Mart lo storico duo Gianikian e Ricci Lucchi racconta i drammi del Novecento


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER