Milano, le fotografie del lockdown di Lorenzo Ceva Valla in mostra allo spazio IDEA4MI


Fino al 31 maggio, lo spazio IDEA4MI ospita ’Il cantiere incantato’, mostra di Lorenzo Ceva Valla che espone le fotografie scattate a un cantiere immobile durante il lockdown per 39 giorni consecutivi.

Lorenzo Ceva Valla (Milano, 1967), fotografo e regista, presenta nello spazio milanese IDEA4MI la mostra personale Il cantiere incantato, un progetto fotografico che vuole raccontare l’esperienza di costrizione vissuta durante il primo lockdown nel marzo 2020. Inediti scatti di un cantiere immobile visto dalla finestra della casa del fotografo, raccolti in un collage di 624 fotografie – 39 righe per 16 colonne – intendono dare vita a un’esperienza densa, che permette di riflettere sul ruolo della fotografia, sull’aspetto psicologico dell’isolamento, sulla percezione del tempo e sull’evoluzione dell’ambiente urbano circostante.

L’idea del progetto nasce durante le prime settimane di lockdown obbligato dallo scoppio della pandemia Covid19. In quel periodo, infatti, Lorenzo Ceva Valla sperimenta l’esigenza di documentare quanto stava accadendo attraverso il mezzo artistico che gli appartiene, la fotografia. Per 39 giorni consecutivi scatta quindi una media di 30 fotografie al giorno, dalle prime luci dell’alba fino alla notte, con un solo soggetto, l’unico che riusciva a vedere dalla sua finestra: un cantiere, simbolo di qualcosa che dovrebbe per definizione muoversi, ma che per cause di forza maggiore rimaneva inattivo e immobile, come tutti noi.

Gli scatti del medesimo soggetto, sospeso tra natura, spazio e tempo, diventano però il volano per raggiungere qualcos’altro, che va oltre la dimensione che percepiamo. La successione “ossessiva” di immagini, solo apparentemente identiche ma in realtà uniche, comunica infatti la forza poetica della dimensione “incantata” risvegliata proprio dalla fotografia, dove ogni dettaglio, ogni minimo cambiamento si rende evidente all’occhio grazie alla tecnologia e all’altissima risoluzione utilizzata.

Non è vero, dunque, che tutto era immobile e lo dimostrano nel collage il modificarsi della luce, della natura e il susseguirsi delle stagioni, ma anche alcuni dettagli: la traccia luminosa lasciata dal passaggio della stazione spaziale internazionale (ISS), l’apparire del riflesso della luna che si staglia dall’altro lato del cielo, e ancora un individuo con una camicia bianca – Lorenzo Ceva Valla stesso – a bordo strada, omaggio ironico dell’artista a La finestra sul cortile di Alfred Hitchcock. Sono solo alcuni dei dettagli che si possono notare dalla sequenza di foto, simboli della vita che continua al di fuori della fissità. È in questo modo che, ne Il cantiere incantato, l’immobilità si trasforma in movimento, proprio come quando dal vagone di un treno fermo, ne vediamo un altro che sta viaggiando e abbiamo l’impressione di muoverci anche noi.

Il cantiere incantato è un progetto nato a tavolino ed è stato un modo per Ceva Valla non solo per raccontare il suo lockdown, ma per fare una riflessione sulla fotografia, suo mezzo espressivo di elezione che, in quel momento, ha scandito per lui proprio il ritmo delle sue giornate e ha avuto un ruolo salvifico e catartico.

Il progetto rappresenta anche il pretesto per riflettere sulla dimensione del tempo percepita in quei giorni: un tempo espanso e dilatato, colto dalla lunga successione di fotografie, tanto più difficile da comprendere a causa del modo in cui la nostra memoria percepisce i ricordi montati come nella sequenza scenica di un film. Un tempo quasi impossibile da cogliere, se non attraverso l’alternarsi di luce e buio e di tutti quegli elementi naturali che ne danno traccia. E quindi Il cantiere incantato dà l’opportunità di meditare sull’aspetto psicologico della clausura, del “carcere”, della fissità della vista. Ma è anche l’occasione per parlare dell’evoluzione dei paesaggi urbani, della città che cambia sotto i nostri occhi inconsapevoli, e della natura che proprio durante quei mesi di lockdown è stata capace di riappropriarsi dei suoi spazi.

Il cantiere incantato pone l’accento su tutti questi temi, con l’obiettivo di stimolare una riflessione, di condividere un’esperienza sì esclusiva, ma che ha toccato tutti noi. È per questo che, a coronamento della mostra, sono previsti una serie di incontri, dibattiti e momenti conviviali con persone che sono state a proprio modo parte del progetto, per approfondire insieme a loro tutti i livelli di riflessioni che esso ha portato in superficie.

In mostra saranno presenti anche alcuni scatti de I Lorenzi, progetto parallelo di “sdoppiamento multiplo” dell’identità del fotografo, un backstage ideale de Il cantiere incantato: composizioni sceniche ironiche e surreali in cui le tante identità di Ceva Valla si presentano ritratte in ruoli e stati diversi e contemporaneamente.

Per tutte le informazioni, potete visitare il sito ufficiale dell’artista.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraIl cantiere incantato
CittàMilano
SedeSpazio IDEA4MI
DateDal 05/05/2022 al 31/05/2022
ArtistiLorenzo Ceva Valla
TemiFotografia

Milano, le fotografie del lockdown di Lorenzo Ceva Valla in mostra allo spazio IDEA4MI
Milano, le fotografie del lockdown di Lorenzo Ceva Valla in mostra allo spazio IDEA4MI


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Una mostra sul Rinascimento in Lunigiana tra Quattro e Cinquecento al Museo Diocesano di Massa
Una mostra sul Rinascimento in Lunigiana tra Quattro e Cinquecento al Museo Diocesano di Massa
Al Centre Pompidou una grande retrospettiva su Hito Steyerl, grande nome dell'arte mondiale
Al Centre Pompidou una grande retrospettiva su Hito Steyerl, grande nome dell'arte mondiale
La Fondazione Coppola di Vicenza presenta le nuove frontiere del contemporaneo
La Fondazione Coppola di Vicenza presenta le nuove frontiere del contemporaneo
Venezia, alle Gallerie dell'Accademia in arrivo da Vienna il Bravo di Tiziano, dopo 30 anni
Venezia, alle Gallerie dell'Accademia in arrivo da Vienna il Bravo di Tiziano, dopo 30 anni
A Castel Stenico una mostra sulle opere grafiche di Rembrandt
A Castel Stenico una mostra sulle opere grafiche di Rembrandt
A Venezia la mostra che ci fa vergognare: esposti gli oggetti dei migranti morti in mare per arrivare in Europa
A Venezia la mostra che ci fa vergognare: esposti gli oggetti dei migranti morti in mare per arrivare in Europa