I Carlone e l'arte barocca a Genova nel Seicento: la prima mostra dedicata alla famiglia di pittori


Dal 29 giugno al 1° settembre l’Abbazia di San Remigio di Parodi Ligure ospita la mostra ’La terra dei Carlone. Arte barocca tra Genova e l’Oltregiogo’

C’è tempo fino al 1° settembre per vedere la mostra La terra dei Carlone. Arte barocca tra Genova e l’Oltregiogo, inaugurata lo scorso 29 giugno all’Abbazia di San Remigio a Parodi Ligure (Alessandria). Si tratta della prima mostra interamente dedicata ai Carlone, importante famiglia di scultori e pittori attivi a Genova e dintorni nel XVII secolo. La rassegna presenta al pubblico venticinque grandi tele, tra le quali opere celebri e inediti, provenienti da importanti musei (come i Musei di Strada Nuova di Genova, il Museo Diocesano di Genova, l’Accademia Ligustica) e collezioni private piemontesi, emiliane e liguri: le opere raccontano la straordinaria ascesa della famiglia Carlone nell’arte italiana tra Cinquecento e Seicento.

Legati strettamente con l’Oltregiogo, i Carlone risiedono a lungo a Parodi Ligure e dipingono per diverse chiese nel territorio: di conseguenza, loro opere sono conservate ad Arquata, Bosio, Busalla, Capriata, Casalnoceto, Gavi, Piovera, Pontecurone, San Cristoforo, Sardigliano, Serravalle Scrivia e Voltaggio. Giovanni Carlone (Genova, 1584 - Milano, 1631) dipinge opere conservate nell’Abbazia di cui il fratello Francesco è parroco, mentre l’altro fratello, Giovanni Battista (Genova, 1603 circa - Parodi Ligure, 1684 circa), compra qui casa dove cresce i suoi ventiquattro figli, tra cui l’ultimo grande artista, Andrea (Genova, 1626 - 1697). Le loro opere sono ancora collocate nelle chiese e negli oratori del territorio dell’Oltregiogo: obiettivo della mostra è anche valorizzare queste opere. Tra tutti, è celebre il soffitto affrescato per l’Oratorio dei Bianchi a Gavi.

Tra le opere in esposizione figura la straordinaria coppia di grandi tele raffiguranti Le storie di Giuseppe anticamente nella collezione dei duchi Norfolk a Londra. Di una collezione privata è il bozzetto per il soffitto affrescato di palazzo Doria De Ferrari di Genova raffigurante il Ritrovamento di Mosè, mentre inedita, nonostante la provenienza dal Museo di Palazzo Bianco di Genova, è la grande tela di Andrea Carlone raffigurante La strega di Endor.

Ideata e curata da Maurizio Romanengo, a cui si deve la progettazione dell’intero programma, la mostra intende riallacciare la straordinaria esperienza di una famiglia di artisti dei Seicento genovese con il proprio territorio. È disponibile da un ricco catalogo scientifico di oltre 120 pagine (15 € invece che 20€ per i visitatori) che si avvale della collaborazione di studiosi di primo piano quali Massimo Bartoletti della Soprintendenza della Liguria, Giacomo Montanari dell’Università di Genova, gli storici dell’arte Enrica Asselle, Gabriele Langosco e Agnese Marengo. Saranno inoltre attivati dei percorsi nelle colline dell’Oltregiogo che avranno come filo conduttore le opere dei Carlone.

La rassegna è organizzata dall’Associazione Oltregiogo. Apertura dal venerdì a domenica dalle 15:30 alle 19:30 fino al 1 settembre (biglietto gratuito per i residenti nei comuni dell’Associazione Oltregiogo, biglietti a partire da 5 €). Sono previste visite guidate con i curatori che prevedono anche un ricco aperitivo nel sagrato dell’abbazia, con il contributo di 15€ nei sabati e domeniche di luglio (per prenotazioni: Federica al numero 340-5854991). Tutte le iniziative beneficiano del contributo della Compagnia di San Paolo, della Fondazione CRT e della Fondazione Cral.

Nella foto: un’immagine della mostra

Informazioni sulla mostra

Titolo mostra La terra dei Carlone. Arte barocca tra Genova e l'Oltregiogo
CittàParodi Ligure
DateDal 29/06/2019 al 01/09/2019

I Carlone e l'arte barocca a Genova nel Seicento: la prima mostra dedicata alla famiglia di pittori
I Carlone e l'arte barocca a Genova nel Seicento: la prima mostra dedicata alla famiglia di pittori


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma