A Perugia una mostra dedicata al Sassoferrato


Giovanni Battista Salvi è protagonista di una mostra che aprirà sabato 8 aprile a Perugia presso il complesso di San Pietro.

Una mostra dedicata a Giovanni Battista Salvi, detto il Sassoferrato (Sassoferrato, 1609 – Roma, 1685): è quella che aprirà le porte al pubblico sabato 8 aprile a Perugia presso la Galleria Tesori d’Arte del complesso di San Pietro. La mostra, dal titolo Sassoferrato. Dal Louvre a San Pietro. La collezione riunita espone circa quaranta dipinti del Sassoferrato e dei maestri che ispirarono la sua arte. Tra le opere del grande artista marchigiano si segnala l’arrivo dal Louvre dell’Immacolata Concezione che un tempo si trovava proprio nell’abbazia di San Pietro: portata in Francia dal commissario napoleonico Dominique Vivant Denon, si riunirà temporaneamente alle opere del Sassoferrato rimaste a Perugia.

Le opere in rassegna provengono da raccolte pubbliche e private di tutta Europa. In mostra anche opere del Perugino, uno degli artisti a cui più guardò il Sassoferrato, e due copie della Deposizione Borghese di Raffaello (quella del Cavalier d’Arpino e quella di Orazio Alfani) che saranno messe a confronto con la versione dipinta dal Sassoferrato nel 1639. Nel percorso esposte anche le tre versioni della Madonna del Giglio.

“Di fronte a opere del genere”, dichiara Cristina Galassi, curatrice della mostra assieme a Vittorio Sgarbi, “gli studiosi si sono legittimamente chiesti fino a che punto la pittura di Sassoferrato debba essere considerata originale. In realtà, e la mostra lo conferma in pieno, sarebbe sbagliato considerare il Salvi un mero imitatore, perché, come ha acutamente osservato Federico Zeri, egli non si limita a copiare le opere degli artisti presi a modello ma aggiunge sempre la sua personale interpretazione. Ciò emerge chiaramente dal confronto tra la bellissima Maddalena del Tintoretto e la versione di mano del Sassoferrato, dove le forme turgide e quasi sensuali del pittore veneto vengono riproposte dal Salvi con un linguaggio più asciutto e temperato”.

La mostra è realizzata in collaborazione con l’Università degli Studi di Perugia e la Regione Umbria, e si avvale del patrocinio del comune di Perugia. La realizzazione è resa possibile grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e della Regione Umbria. Catalogo a cura di Aguaplano. Rimarrà aperta fino al 1° ottobre 2017. Per tutte le informazioni: www.sanpietroperugia.it.

Immagine: Giovanni Battista Salvi detto il Sassoferrato, Immacolata concezione (1637; olio su tela, 143 x 85 cm; Parigi, Louvre)

Informazioni sulla mostra

CittàPerugia
SedeGalleria Tesori d’Arte
DateDal 30/11/-0001 al 30/11/-0001
ArtistiGiovanni Battista Salvi
TemiGiovanni Battista Salvi

A Perugia una mostra dedicata al Sassoferrato
A Perugia una mostra dedicata al Sassoferrato


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


A Milano la prima mostra sugli ukiyo-e di Utagawa Kuniyoshi
A Milano la prima mostra sugli ukiyo-e di Utagawa Kuniyoshi
A Milano in mostra le Muse di Andrea Chisesi
A Milano in mostra le Muse di Andrea Chisesi
Matera Universo Pop: le opere della Pop Art in mostra alla Fondazione Sassi
Matera Universo Pop: le opere della Pop Art in mostra alla Fondazione Sassi
Zoran Music in mostra alla Galleria d'Arte Maggiore di Bologna
Zoran Music in mostra alla Galleria d'Arte Maggiore di Bologna
Da febbraio 2018 a Treviso una grande mostra dedicata a Rodin
Da febbraio 2018 a Treviso una grande mostra dedicata a Rodin
Prato, per la mostra Legati da una cintola successo e proroga di un mese
Prato, per la mostra Legati da una cintola successo e proroga di un mese