Ad Aosta una grande retrospettiva sul fotografo francese Robert Doisneau


Dal 5 marzo al 22 maggio 2022, al Centro Saint-Bénin di Aosta è in programma una grande retrospettiva su Robert Doisneau, uno dei maggiori fotografi del Novecento. 

Dal 5 marzo al 22 maggio 2022, al Centro Saint-Bénin di Aosta, è in programma una mostra su uno dei più grandi fotografi del Novecento, Robert Doisneau (Gentilly, 1912 - Montrouge, 1994), organizzata su iniziativa dell’Assessorato Beni Culturali della Regione Autonoma Valle d’Aosta. Intitolata semplicemente Robert Doisneau e curata da Gabriel Bauret, si pone come una grande retrospettiva sul celebre fotografo francese.

“Le selezionatissime immagini che il curatore Gabriel Bauret ha scelto per questa mostra”, afferma la Dirigente delle Attività espositive Daria Jorioz, “provengono dall’Atelier Doisneau di Montrouge, nel sud della capitale francese. Sono immagini empatiche che avvicinano l’osservatore, lo rendono partecipe e non solo spettatore. Robert Doisneau incarna l’immagine del fotografo umanista immerso nella vita della sua città: ne coglie il respiro, le emozioni, le trasformazioni sociali, ne narra la bellezza, le contraddizioni, le storie minime che ne compongono la storia collettiva. Il fotografo francese cresce insieme alla sua città, la osserva prendendo appunti visivi, la racconta cominciando dalla strada, si specchia nei giochi dei bambini che inventano il loro mondo, narra la condizione a volte ruvida degli adulti. Lo fa sempre con delicatezza e garbo, talvolta con malinconia, spesso con un’ironia sottilmente dissimulata oppure giocosamente evidente”.

Tra le opere in mostra non manca Le Baiser de l’Hôtel de Ville, immagine celebre e iconica, ritenuta tra le più riprodotte al mondo. In questo suo celebre scatto Doisneau ha saputo catturare un momento magico e un’emozione che sono universali. A Montrouge, Doisneau ha sviluppato e archiviato le sue immagini per oltre cinquant’anni, ed è lì che si è spento nel 1994, lasciando un’eredità di quasi 450.000 negativi. Dallo stesso atelier, oggi le sue due figlie contribuiscono alla diffusione e alla divulgazione della sua opera, accogliendo le continue richieste di musei, festival e case editrici.

Nato nel 1912 a Gentilly, una città nella periferia sud di Parigi, le prime tappe del percorso di Robert Doisneau sono segnate da una formazione nel campo della litografia, attività che abbandonerà rapidamente in favore di un apprendistato presso lo studio di André Vigneau, un fotografo che gli fornisce una finestra sul mondo dell’arte. Seguirà, per quattro anni, un’intensa collaborazione con il reparto pubblicitario della Renault. Una volta libero da questo impegno, Robert Doisneau approda al tanto ambito status di fotografo indipendente, ma il suo slancio viene spezzato dalla guerra, che tuttavia non gli impedirà di continuare a fotografare. Subito dopo la Liberazione della capitale, di cui è testimone, comincia un periodo molto intenso di commissioni per la pubblicità (e in particolare per l’industria automobilistica), la stampa (tra cui le riviste “Le Point” e in seguito “Vogue”) e l’editoria. In parallelo, porta avanti i suoi progetti personali, che saranno oggetto di numerose pubblicazioni, a cominciare dall’opera La Banlieue de Paris, uscita nel 1949 e creata in collaborazione con lo scrittore Blaise Cendrars.

La sua traiettoria si incrocia anche con quelle di Jacques Prévert e Robert Giraud, la cui esperienza e amicizia nutrono la sua fotografia, nonché con quella dell’attore e violoncellista Maurice Baquet, con il quale mette in scena un gran numero di immagini. Dal 1946 le sue fotografie vengono distribuite dall’agenzia Rapho. Qui conosce in particolare Sabine Weiss, Willy Ronis e, successivamente, Édouard Boubat, che insieme a lui formeranno una corrente estetica spesso definita “umanista”. Nel 1983 gli viene assegnato il “Grand Prix national de la photographie”, a consacrazione di un’opera estremamente ricca e densa. Tale consacrazione passa attraverso le numerosissime esposizioni, in Francia come all’estero, le incalcolabili opere che rivisitano la sua fotografia dalle prospettive più varie e i documentari a lui dedicati. E ad Aosta il pubblico italiano avrà il piacere di avvicinarsi al grande fotografo attraverso ben 128 delle sue più belle immagini.

Nell’immagine: un dettaglio de Le Baiser de l’Hôtel de Ville

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraRobert Doisneau
CittàAosta
SedeCentro Saint-Bénin
DateDal 05/03/2022 al 22/05/2022
ArtistiRobert Doisneau
CuratoriGabriel Bauret
TemiFotografia

Ad Aosta una grande retrospettiva sul fotografo francese Robert Doisneau
Ad Aosta una grande retrospettiva sul fotografo francese Robert Doisneau


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


A Bergamo la prima retrospettiva italiana dedicata a Birgit Jürgenssen, protagonista dell'avanguardia femminista
A Bergamo la prima retrospettiva italiana dedicata a Birgit Jürgenssen, protagonista dell'avanguardia femminista
Una grande mostra al MA*GA dedicata ai protagonisti dell'Impressionismo francese e italiano
Una grande mostra al MA*GA dedicata ai protagonisti dell'Impressionismo francese e italiano
Bologna dedica un'antologica a Boldini per il 90° anniversario della sua scomparsa
Bologna dedica un'antologica a Boldini per il 90° anniversario della sua scomparsa
Da Kandinsky a Warhol, a Cherasco si ripercorre l'arte del Novecento attraverso i manifesti
Da Kandinsky a Warhol, a Cherasco si ripercorre l'arte del Novecento attraverso i manifesti
Le plaisir de vivre: a Bologna una mostra sul Settecento veneziano
Le plaisir de vivre: a Bologna una mostra sul Settecento veneziano
L'artista sammarinese Martina Conti indaga sui rapporti tra arte, cittadinanza e politica in mostra al MA*GA di Gallarate
L'artista sammarinese Martina Conti indaga sui rapporti tra arte, cittadinanza e politica in mostra al MA*GA di Gallarate