Al Forte di Bard la mostra del World Press Photo 2022


Dal 7 maggio al 3 luglio 2022, il Forte di Bard ospita la mostra dell’edizione 2022 del World Press Photo, il più prestigioso premio di fotogiornalismo.

Le fotografie del World Press Photo, il più importante premio mondiale di fotogiornalismo, saranno esposte dal 7 maggio al 3 luglio al Forte di Bard, per l’esposizione dei migliori scatti dell’appuntamento che restituisce al mondo intero la enorme capacità documentale e narrativa delle immagini, rivelandone il fondamentale ruolo di testimonianza storica del nostro tempo. Il premio, giunto alla 67esima edizione, è stato ideato nel 1955 dalla World Press Photo Foundation, organizzazione indipendente senza scopo di lucro con sede ad Amsterdam, ha visto quest’anno la partecipazione di 4066 fotografi di 130 Paesi, per un totale di 64.823 immagini candidate. La valutazione ha coinvolto giurie regionali e una giuria globale di 31 componenti altamente qualificati.

A differenza degli anni precedenti, quando era organizzato in categorie tematiche, il concorso è adesso suddiviso in sei aree geografiche, divise a loro volta in quattro categorie in base al formato dell’immagine. Le macro aree sono Africa, Asia, Europa, Nord e Centro America, Sud America, Sud-est asiatico e Oceania. Ogni area prevede quattro categorie: Singles, Stories, Long-Term Projects e Open Format. Tra i 24 vincitori in ciascuna delle quattro categorie la giuria ha selezionato i quattro vincitori globali: World Press Photo of the Year, World Press Photo Story of the Year, World Press Photo Long-Term Project Award e World Press Photo Open Format Award. I 24 vincitori provengono da 23 Paesi: Argentina, Australia, Bangladesh, Brasile, Canada, Colombia, Ecuador, Egitto, Francia, Germania, Grecia, India, Indonesia, Giappone, Madagascar, Messico, Nigeria, Paesi Bassi, Norvegia, Palestina, Russia, Sudan e Thailandia.

Ad aggiudicarsi il titolo di World Press Photo of the Year è stato lo scatto Kamloops Residential School della fotografa canadese Amber Bracken. L’immagine cattura una successione di abiti rossi appesi a delle croci lungo la strada. Una sorta di memoriale a cielo aperto per ricordare i 215 bambini morti presso la Kamloops Indian Residential School in Canada, dove venivano forzatamente inviati i figli delle famiglie di nativi locali, i cui resti sono stati ritrovati in una fossa comune. Ha commentato Rena Effendi, presidente della giuria: “È un’immagine che si imprime nella memoria. Che suscita un’immediata reazione. Posso quasi percepire la quiete in questa fotografia. Una sorta di resa dei conti nella storia della colonizzazione. Non solo in Canada ma in tutto il mondo”. È la prima volta nei 67 anni del Premio che vince una fotografia che non ritrae persone.

Il riconoscimento per la Storia dell’anno è andato al progetto Saving Forests with Fire dell’australiano Matthew Abbott. La serie documenta la pratica degli incendi boschivi controllati che da migliaia di anni gli Nawarddeken del West Arnhem Land, in Australia, utilizzano per gestire le loro terre. È invece Amazonian Dystopia del fotografo brasiliano Lalo de Almeida lo scatto vincitore del Long-term Project Award. La serie documenta lo sfruttamento della Foresta amazzonica, che ha avuto grande impulso sotto il governo di Bolsonaro. Un patrimonio di biodiversità compromesso dalla deforestazione, dalle attività estrattive e dalla costruzione di infrastrutture. Tutte attività che mettono gravemente in pericolo non solo la natura ma anche le popolazioni che qui vivono.

L’Open Format Award è andato a Blood is a Seed della fotografa ecuadoriana Isadora Romero. La serie è un viaggio nel villaggio di Une nel dipartimento di Cundinamarca, in Colombia. Qui, il nonno e la bisnonna dell’autrice erano “guardiani dei semi” e coltivavano diverse varietà di patate, di cui ne rimangono solo due. Attraverso una storia personale, dunque, Isadora Romero affronta questioni legate alla perdita di biodiversità, alla migrazione forzata, alla colonizzazione e al venir meno di tradizioni antiche. Nell’allestimento al Forte di Bard sarà presente anche il The Winner Wall, un maxicombo di 3x5 metri di grandezza che presenterà le migliori foto vincitrici del premio Foto dell’Anno dal 1955, anno della prima mostra, ad oggi.

La mostra è visitabile dal martedì al venerdì dalle 10 alle 18, il sabato, la domenica e i festivi dalle 10 alle 19. Chiuso il lunedì. Biglietto intero 8 euro, ridotto 7 euro. Media partner RMC Radio Montecarlo. Per info: 0125 833811, info@fortedibard.it, www.fortedibard.it.

Amber Bracken, Kamloops Residential School
Amber Bracken, Kamloops Residential School
Matthew Abbott, Saving Forests with Fire
Matthew Abbott, Saving Forests with Fire
Lalo de Almeida, Amazonian Dystopia
Lalo de Almeida, Amazonian Dystopia
Isadora Romero, Blood is seed
Isadora Romero, Blood is seed

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraWorld Press Photo 2022
CittàBard
SedeForte di Bard
DateDal 07/05/2022 al 03/07/2022
TemiFotografia, World Press Photo

Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Forlì, la grande mostra dei Musei San Domenico del 2022 è dedicata a Maria Maddalena
Forlì, la grande mostra dei Musei San Domenico del 2022 è dedicata a Maria Maddalena
Terra Sacra. Ad Ancona la mostra che fa dialogare il contemporaneo e l'antico salvato dal terremoto
Terra Sacra. Ad Ancona la mostra che fa dialogare il contemporaneo e l'antico salvato dal terremoto
Al Mart di Rovereto la più grande mostra di sempre su Alceo Dossena, più di un falsario
Al Mart di Rovereto la più grande mostra di sempre su Alceo Dossena, più di un falsario
A Milano è in mostra la più completa mostra di sempre sull'esercito di terracotta cinese
A Milano è in mostra la più completa mostra di sempre sull'esercito di terracotta cinese
Inhuman, una mostra per riflettere sull'universalità del degrado umano e della violenza
Inhuman, una mostra per riflettere sull'universalità del degrado umano e della violenza
A Torino gli scatti inediti di Vivian Maier dal suo viaggio in Italia
A Torino gli scatti inediti di Vivian Maier dal suo viaggio in Italia