David di Donatello per i costumi del Pinocchio di Garrone. Oltre trenta in mostra al Museo del Tessuto di Prato


Il Museo del Tessuto di Prato riapre il 19 maggio e proroga la mostra dedicata ai costumi del Pinocchio di Matteo Garrone. Esposti oltre trenta costumi del film.

Il Museo del Tessuto di Prato riapre il 19 maggio e proroga fino al 25 ottobre 2020 la mostra Pinocchio nei costumi di Massimo Cantini Parrini dal film di Matteo Garrone.

“Siamo pronti per ripartire adottando tutte le misure di sicurezza per assicurare la salute dei visitatori, come previsto dal Decreto del Governo” ha dichiarato Francesco Marini, Presidente della Fondazione Museo del Tessuto. “In questo periodo abbiamo continuato a essere in contatto con il nostro pubblico attraverso iniziative promosse sui canali social e sul web. Il consenso riscontrato da parte di tanti ragazzi ci ha fatto decidere di prolungare la mostra fino al 25 ottobre per permettere di soddisfare le tante richieste pervenute” ha aggiunto. 

L’esposizione presenta l’ultimo lavoro del pluripremiato costumista cinematografico Massimo Cantini Parrini: oltre trenta costumi realizzati per il film Pinocchio di Matteo Garrone, che ha ottenuto cinque David di Donatello, tra cui quello per i costumi andato al Cantini Parrini per la quarta volta.

È l’unico costumista italiano ad aver ottenuto dalla prima nomination quattro David di Donatello su cinque, di cui tre consecutivi, dal 2016 al 2018), mentre il quarto per il film Pinocchio del 2020. Ha inoltre vinto numerosi premi e riconoscimenti, tra i quali Nastri d’Argento, Ciak d’oro e premiazioni in importanti festival cinematografici. Per Matteo Garrone, regista del film Pinocchio, ha realizzato in passato i costumi dei film Il racconto dei Racconti (2015) e Dogman (2018).

Il percorso espositivo si suddivide in due sezioni: la prima dedicata al costumista, alle sue fonti d’ispirazione e al suo lavoro creativo attraverso video, campionature di tessuti, capi d’abbigliamento storici del XVIII e XIX secolo provenienti dalla sua collezione personale, ai quali il costumista si è ispirato per la creazione degli abiti del film di Pinocchio. La seconda presenta invece oltre trenta costumi dei principali personaggi del film, accompagnati da immagini tratte dal film stesso e da alcuni significativi oggetti di scena.

Il Museo del Tessuto, in occasione della riapertura, modifica i suoi orari di visita: dal 19 maggio al 2 giugno: martedì, mercoledì e giovedì dalle 16 alle 20; venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 20. Fino al 2 giugno incluso ingresso gratuito. 

Nell’immagine, Massimo Cantini Parrini nell’allestimento della mostra dedicata ai costumi del film Pinocchio. Ph.Credit Marco Badiani

David di Donatello per i costumi del Pinocchio di Garrone. Oltre trenta in mostra al Museo del Tessuto di Prato
David di Donatello per i costumi del Pinocchio di Garrone. Oltre trenta in mostra al Museo del Tessuto di Prato


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER