Alla Fondazione Banco di Napoli in mostra gli abiti-scultura di Roberto Capucci


Dal 2 ottobre al 26 novembre 2021, la Fondazione Banco di Napoli accoglie gli abiti-scultura di Roberto Capucci in una mostra con importanti pezzi di questa famosa produzione del maestro della moda.

Prende il via nella sede della Fondazione Banco di Napoli in via dei Tribunali nel cuore del capoluogo campano, dal 2 ottobre al 26 novembre 2021, la mostra Pagine di Seta di Roberto Capucci, uno dei padri della grande moda italiana. La mostra è ospitata nelle stanze del museo dell’Archivio Storico della Fondazione Banco di Napoli “Il Cartastorie”: protagonisti sono gli abiti-scultura di Roberto Capucci, esposti in una rassegna a cura di Rossella Paliotto, presidente della Fondazione Banco di Napoli, ed Enrico Minio Capucci, direttore della Fondazione Roberto Capucci: ventuno in tutto le opere di Capucci provenienti dall’omonima Fondazione a Villa Manin in provincia di Udine, esposte tra i documenti custoditi nel museo dell’Archivio Storico del Banco di Napoli.

La mostra ha inoltre offerto l’occasione per aggiungere qualche frammento del passato emerso dalle carte d’archivio, molte delle quali conservate alla Fondazione, per ripensare alla preziosa fibra scelta dal maestro romano per le sue opere-scultura, indiscussa protagonista nella storia sartoriale italiana e napoletana in età moderna: la seta. In omaggio a Roberto Capucci e alle cromie delle sue ricercate composizioni, un rilievo particolare assumono i colori, pregni di sfumature di significato, che sembrano ridare vita ai documenti inediti, ulteriore testimonianza del passato di Napoli, centro di eccellenza per la produzione e la lavorazione della seta.

Più intrecci sono alla base dell’idea della mostra: Napoli e il Friuli, centri di produzione della seta, le opere d’arte Roberto Capucci, fondamento del Made in Italy sin dal 1952, anno della prima sfilata nella sala Bianca di Palazzo Pitti, e le documentate antiche attività seriche e artigianali legate al settore dell’abbigliamento napoletano. Tanta materia e tante piccole e grandi storie nel volume curato da Bianca Stranieri.

A sostegno dell’idea, la documentazione-interpretazione fotografica di Fabio Donato, per lavoro artistico di approfondimento dei rapporti possibili tra gli abiti e la straordinaria testimonianza della storia del Mezzogiorno, un’esperienza immersiva tra faldoni e multimedialità dove gli abiti e i manichini colloquiano con contenuti e notizie della storia economica, sociale ed artistica delle regioni meridionali e contratti commerciali con varie nazioni europee.

“Ospitare le opere del maestro Roberto Capucci, direttamente nelle sale dell’archivio, così come svelate in queste pagine dall’obiettivo sapiente di un altro maestro, l’artista fotografo Fabio Donato”, dice la Presidente della Fondazione Banco di Napoli, Rossella Paliotto, “intende essere oltre che una manifestazione plastica dell’attenzione della Fondazione Banco di Napoli per le eccellenze italiane, apprezzate e riconosciute a livello internazionale, anche una prova inequivocabile del potere comunicativo del suo archivio storico”.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraRoberto Capucci. Pagine di Seta
CittàNapoli
SedeFondazione Banco di Napoli
DateDal 02/10/2021 al 26/11/2021
ArtistiRoberto Capucci
CuratoriRossella Paliotto, Enrico Minio Capucci
Temiarte e moda

Alla Fondazione Banco di Napoli in mostra gli abiti-scultura di Roberto Capucci
Alla Fondazione Banco di Napoli in mostra gli abiti-scultura di Roberto Capucci


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Barocco     Firenze     Frammenti