Il rapporto tra Pasolini e le donne protagonista di una mostra a Berceto


Dal 28 luglio al 15 settembre 2019 il Museo Piermaria Rossi di Berceto (Parma) accoglie la mostra Pasolini e le donne.

Dal 28 luglio al 15 settembre 2019 il Museo Piermaria Rossi di Berceto (Parma) accoglie la mostra Pasolini e le donne, a cura di Giuseppe Garrera e Sebastiano Triulzi. La rassegna, promossa da Associazione Culturale Sentieri dell’Arte con il patrocinio di Comune di Berceto, Borghi Autentici e Regione Emilia Romagna, è interamente focalizzata sul rapporto tra Pier Paolo Pasolini e le donne: intento della mostra è scoprire, attraverso l’opera di Pasolini, cosa significa vivere e celebrare la diversità, e quella condizione di inadeguatezza nei confronti dei poteri e dei soprusi. Le donne hanno insegnato a Pasolini un modello di comportamento poetico e civile, l’importanza di non accettare compromessi, di restare fedeli a se stessi.

La rassegna consta di oltre 90 fotografie originali, prime edizioni, manoscritti e documenti ripercorrono la speciale genealogia di donne di Pasolini (la madre Susanna, Giovanna Bemporad, Silvana Mauri, Elsa Morante, Laura Betti, Anna Magnani, Silvana Mangano, Maria Callas, Amelia Rosselli, Anna Maria Ortese, Elsa De’ Giorgi, Oriana Fallaci e molte altre): amori e amicizie che hanno costituito esempi di resistenza al mondo corrente, insegnando una poesia coraggiosa, fieramente diversa e sempre in rivolta. Il femminile, dunque, come genealogia d’intelletto, e una schiera di donne non addomesticate dalla società borghese e patriarcale. Attraverso scatti originali e rari, la mostra permette di “vedere” in profondità questi legami. Una particolare attenzione viene dedicata soprattutto ad alcuni legami profondi con figure femminili eccezionali, ancora da scoprire e indagare, prime fra tutte Giovanna Bemporad, Laura Betti, Lorenza Mazzetti e Silvana Mauri.

L’esposizione sarà visitabile domenica 28 luglio con orario 10:00-12:30 e 16:00-19:30, dal 1° al 25 agosto 2019 ore 10:00-12:30 e 16:00-19:30, dal 26 agosto al 15 settembre aperto solo di sabato e domenica con orario 10:00-12:30 e 16:00-19:30. Per informazioni telefonare al numero +39 393 6710042, inviare una mail a info@sentieridellarte.it, oppure visitare il sito www.museopiermariarossi.it.

Nell’immagine: Agenzia Dufoto, Pier Paolo Pasolini e Silvana Mangano durante le riprese di Edipo Re

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraPasolini e le donne
CittàBerceto
SedeMuseo Piermaria Rossi
DateDal 28/07/2019 al 15/09/2019
ArtistiPier Paolo Pasolini
CuratoriGiuseppe Garrera, Sebastiano Triulzi
TemiPier Paolo Pasolini

Il rapporto tra Pasolini e le donne protagonista di una mostra a Berceto
Il rapporto tra Pasolini e le donne protagonista di una mostra a Berceto


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Una mostra su Vivian Maier al Castello dei Vescovi di Luni. Ci sono foto mai esposte in Italia
Una mostra su Vivian Maier al Castello dei Vescovi di Luni. Ci sono foto mai esposte in Italia
A Lugano una mostra inedita su Picasso: sotto esame il rapporto tra disegni e scultura
A Lugano una mostra inedita su Picasso: sotto esame il rapporto tra disegni e scultura
Hélène de Beauvoir tra fiume e mare: a Sarzana la mostra dedicata all'artista francese
Hélène de Beauvoir tra fiume e mare: a Sarzana la mostra dedicata all'artista francese
Recensione della mostra del Genovesino a Cremona
Recensione della mostra del Genovesino a Cremona
Le icone del rock fotografate da Barry Feinstein in mostra alla Fondazione Carispezia
Le icone del rock fotografate da Barry Feinstein in mostra alla Fondazione Carispezia
A Siena grande retrospettiva per il maestro dell'erotismo Nobuyoshi Araki con 2.200 foto su tutta la produzione, tra cui inediti
A Siena grande retrospettiva per il maestro dell'erotismo Nobuyoshi Araki con 2.200 foto su tutta la produzione, tra cui inediti