A Peccioli gli scatti di guerra del fotoreporter Franco Pagetti


Il Palazzo Senza Tempo di Peccioli presenta dal 13 maggio al 30 settembre 2022 la mostra "Tutte le guerre. Fotografie 1998-2019" di Franco Pagetti, tra i più noti fotoreporter di guerra. 

Apre al 13 maggio 2022 al Palazzo Senza Tempo di Peccioli la mostra Tutte le guerre. Fotografie 1998-2019 di Franco Pagetti, tra i più noti fotoreporter internazionali. L’esposizione sarà visitabile al pubblico fino al 30 settembre 2022 e rientra nell’ambito della kermesse Pensavo Peccioli curata da Luca Sofri.

“L’invasione russa dell’Ucraina, le sue stragi e le sue distruzioni, le persone che sono vittime, sono di nuovo raccontate dalle immagini dei fotoreporter di guerra, anche in questi tempi di social network, influencer e cambiamenti nella comunicazione di ogni cosa”, ha dichiarato il curatore. "Sono immagini che da una parte sembrano sempre le stesse, per ogni guerra, e dall’altra rinnovano il loro effetto e la loro capacità di mostrare cose terribili e incredibili e che pensavamo lontane: lontane nel tempo o lontane nello spazio. Ma le guerre non hanno mai smesso di essere combattute e di essere usate per avidità, prepotenza, ignoranza, e niente come le immagini dei fotoreporter ha cercato di ricordarcelo anche negli anni passati, quando la guerra in Europa ci sembrava impensabile. Le foto di Franco Pagetti, fotoreporter che ha seguito alcune delle guerre recenti più lunghe e gravi, sono fra quelle che con più insistenza e professionalità hanno anticipato quello che saremmo tornati a vedere quest’anno".

Franco Pagetti (Varese, 1950), si avvicina alla fotografia nel 1980: inizialmente come assistente della fotografa di architettura Carla De Benedetti ma successivamente inizia a produrre immagini per il mondo della moda e commerciale. Da metà anni Ottanta a metà anni Novanta, collabora con i giornali italiani Vogue, Elle, Marie Claire, Amica. Mentre firma campagne pubblicitarie internazionali, nel 1988 realizza il suo primo reportage sulle donne torturate dal regime cileno. Nel 1997, decide di dedicarsi esclusivamente al fotogiornalismo. A quasi cinquant’anni inizia la sua seconda vita, che nel 2007 lo vede diventare membro della nota agenzia VII, a cui partecipa ancora oggi. Copre le zone di conflitto più calde: nel 1998 è in Sudan del Sud e in Afghanistan, dove torna nel 2001, nel 2009 e nel 2010; nel 1999 è in Kosovo e a East Timor, nel 2000 e nel 2001 è in Kashmir; nel 2000 in Sierra Leone e nel 2001 e 2002 in Palestina. Le sue fotografie di guerra ritraggono individui in condizioni estreme e si fanno testimonianza di atti di incredibile eroismo, ma anche di brutalità. I suoi reportage vengono pubblicati in America su Newsweek, The New York Times, The New Yorker, Stern, Sunday Times, Vogue America e in Europa su Le Figaro, Paris Match, Le Monde, The Times of London, The Independent. Per il settimanale TIME, da gennaio 2003 fino a dicembre 2008 è in Iraq dove arriva già tre mesi prima dell’invasione americana di Baghdad. Le sue immagini dal fronte sono uno tra i più completi reportage dall’Iraq, catturano gli orrori della guerra, i saccheggi, le battaglie, la formazione di gruppi di ribelli e di terroristi.

Per info: www.pensavopeccioli.it

Orari: Tutti i giorni dalle 9 alle 21.

Ingresso libero.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraTutte le guerre. Fotografie 1998-2019 di Franco Pagetti
CittàPeccioli
SedePalazzo Senza Tempo
DateDal 13/05/2022 al 30/09/2022
ArtistiFranco Pagetti
CuratoriLuca Sofri
TemiFotografia, Peccioli

A Peccioli gli scatti di guerra del fotoreporter Franco Pagetti
A Peccioli gli scatti di guerra del fotoreporter Franco Pagetti


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE