Peggy Guggenheim. L'ultima dogaressa: in mostra i capolavori della sua collezione post 1948


The Peggy Guggenheim Collection presenta in mostra capolavori della sua collezione post 1948 in occasione di Peggy Guggenheim. L’ultima dogaressa.

Dal 21 settembre 2019 al 27 gennaio 2020 sarà aperta al pubblico la mostra Peggy Guggenheim. L’ultima Dogaressa, a cura di Karole P.B. Vail con Grazina Subelyte

Con questa rassegna, la Collezione Peggy Guggenheim intende concentrarsi sul collezionismo post 1948, ovvero dopo la sua partenza da New York, la chiusura della galleria-museo Art of This Century (1942-47) e il suo trasferimento a Venezia. 

I visitatori potranno ammirare circa sessanta opere, tra dipinti, sculture e lavori su carta, comprese tra quelle acquisite nel corso degli anni Quaranta e il 1979, anno della sua scomparsa. Tra i capolavori esposti, L’impero della luce di René Magritte, Studio per scimpanzè di Francis Bacon, Autunno a Courgeron di René Bro, Serendipity 2 di Gwyther Irwin, Sopra il bianco di Kenzo Okada e Deriva No 2. di Tomonori Toyofuku

Inoltre saranno esposti per la prima volta in quest’occasione alcuni scrapbooks, album nei quali Peggy raccoglieva articoli di giornali, fotografie, lettere, che rivelano episodi inediti di varie fasi della sua vita. 

Le sale di Palazzo Venier dei Leoni ospiteranno la maggior parte delle opere acquistate tra il 1938, anno in cui Peggy apre a Londra la sua prima galleria Guggenheim Jeune, e il 1947, anno in cui la collezionista si trasferisce a Venezia. Sarà esposta quindi quasi interamente la sua storica collezione, compresi capolavori come Scatola in una valigia di Marcel Duchamp, opera del 1941. 

Dopo un accurato intervento di studio e restauro all’Opificio delle Pietre Dure e i Laboratori di Restauro di Firenze, sostenuto da EFG, sarà possibile vedere il capolavoro contenente sessantanove riproduzioni e miniaturizzazioni di capolavori dell’artista franco-americano.

La mostra rientra nelle celebrazioni dei settant’anni dalla prima mostra realizzata a Palazzo Venier dei Leoni da Peggy Guggenheim e dei quarant’anni dalla sua scomparsa. 

Per info: guggenheim-venice.it

Immagine: René Magritte, L’Impero della luce (1953-54; olio su tela, 195,4 x 131,2 cm) © René Magritte, SIAE 2019 | Solomon R. Guggenheim Foundation. Photo Archivio Cameraphoto Epoche. Gift Cassa di Risparmio di Venezia, 2005

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraPeggy Guggenheim. L'ultima dogaressa.
CittàVenezia
SedeCollezione Peggy Guggenheim
DateDal 21/09/2019 al 27/01/2020
CuratoriKarole P.B. Vail, Grazina Subelyte
TemiPeggy Guggenheim

Peggy Guggenheim. L'ultima dogaressa: in mostra i capolavori della sua collezione post 1948
Peggy Guggenheim. L'ultima dogaressa: in mostra i capolavori della sua collezione post 1948


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Per i trent'anni dalla sua scomparsa Roma dedica una mostra a Luciano Salce
Per i trent'anni dalla sua scomparsa Roma dedica una mostra a Luciano Salce
Galileo Chini e i protagonisti del Simbolismo e del Liberty italiano in mostra a Pontedera
Galileo Chini e i protagonisti del Simbolismo e del Liberty italiano in mostra a Pontedera
A Palermo ecco la seconda edizione di BAM, festival internazionale di teatro, musica e arti visive
A Palermo ecco la seconda edizione di BAM, festival internazionale di teatro, musica e arti visive
A Modena in mostra opere della collezione BPER, dai Carracci a Guido Reni al Guercino
A Modena in mostra opere della collezione BPER, dai Carracci a Guido Reni al Guercino
A Palazzo Cipolla la prima retrospettiva romana dell'artista iracheno Ahmed Alsoudani
A Palazzo Cipolla la prima retrospettiva romana dell'artista iracheno Ahmed Alsoudani
Prorogata fino al 17 febbraio 2019 la mostra a Pisa dedicata a Ozmo
Prorogata fino al 17 febbraio 2019 la mostra a Pisa dedicata a Ozmo