L'artista iraniana Shirin Neshat dialoga con il Sepolcreto della Ca' Granda di Milano


Un percorso artistico molto suggestivo pone in dialogo l’arte di Shirin Neshat con il Sepolcreto della Ca’ Granda di Milano.

Il Sepolcreto della Ca’ Granda di Milano, riaperto al pubblico recentemente, incontra l’arte dell’artista iraniana Shirin Neshat: dal 25 maggio al 15 settembre 2018 sarà allestito un percorso artistico che prevede una video installazione di Shirin Neshat e un allestimento suggestivo di Henry Timi.
Un percorso che racconterà ai visitatori il ritorno alla luce di questo luogo e delle persone che l’hanno vissuto.

La video installazione "Pulse" permetterà ai visitatori di entrare negli spazi privati della camera di una donna. La musica di una radio accompagnerà il movimento della videocamera che entrerà nella stanza: si ascolterà la voce angelica di Sussan Deyhim che canterà i versi del poeta mistico del XIII secolo Rumi sull’imprigionamento degli esseri umani legati alla vita materiale terrena. Di seguito la videocamera si avvicinerà sempre più alla protagonista del video, conducendo i visitatori a toccare lo struggimento della donna e a partecipare alla sua preghiera solitaria.

Pulse è un’opera legata al luogo e al visitatore attraverso un gioco di rimandi e corrispondenze: la radio rappresenta il collegamento con il mondo esterno, mentre lo schermo su cui è proiettata l’opera riporta luce e vitalità in un luogo rimasto finora segreto, facendolo dialogare con l’uomo di oggi. 

Per info:  www.arsemilano.it

Orari: Da martedì a venerdì dalle 17 alle 22; sabato e domenica dalle 15 alle 22. 

Biglietti: 6 euro.

Ph.Credit

 

L'artista iraniana Shirin Neshat dialoga con il Sepolcreto della Ca' Granda di Milano
L'artista iraniana Shirin Neshat dialoga con il Sepolcreto della Ca' Granda di Milano


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma