Il Palladio Museum espone per la prima volta al pubblico sette affreschi di Tiepolo


Dal 3 novembre 2017 il Palladio Museum di Vicenza avrà l’onore di esporre per la prima volta al pubblico sette affreschi “segreti” di Giandomenico Tiepolo.

Un grande onore per il Palladio Museum di Vicenza: sette affreschi realizzati da Giandomenico Tiepolo verranno per la prima volta esposti al pubblico e verrà loro dedicata la mostra "Tiepolo segreto", curata da Fabrizio Magani e Guido Beltramini.

Gli affreschi sono rimasti per oltre cinquant’anni nelle residenze dei proprietari che li hanno salvati dalla distruzione della seconda guerra mondiale e ora sono stati destinati al museo vicentino.

Essi furono realizzati due decenni dopo gli affreschi di Villa Valmarana ai Nani per il figlio del committente Gaetano Valmarana, utilizzando il linguaggio aulico dell’architettura palladiana.

“Siamo orgogliosi di poter contribuire alla cultura della nostra città – dichiarano Camillo e Giovanni Franco, proprietari degli affreschi – con una parte della storia della nostra famiglia”. Fu Fausto Franco, zio dei proprietari e Soprintendente ai Monumenti, a seguire il salvataggio degli affreschi di famiglia nel 1945.

I sette affreschi saranno allestiti nella Sala delle Arti al piano nobile di palazzo Barbarano, in continuità con le sale espositive del Palladio Museum.

La mostra inizierà il 3 novembre 2017 e in occasione di essa, il Palladio Museum e Villa Valmarana ai Nani offriranno una riduzione reciproca sui biglietti d’ingresso.

Immagine: Ercole con Cerbero incatenato

 

Il Palladio Museum espone per la prima volta al pubblico sette affreschi di Tiepolo
Il Palladio Museum espone per la prima volta al pubblico sette affreschi di Tiepolo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER