Venezia, in mostra il percorso di Michèle Halberstadt attraverso gli scatti di Max Halberstadt


La IKONA Photo Gallery di Venezia dedica una mostra al percorso che la scrittrice francese Michèle Halberstadt decise di intraprendere alla ricerca delle proprie origini: un percorso che si fonde con le fotografie di Max Halberstadt, tra i maggiori ritrattisti della Amburgo degli anni Venti.

La mostra The Halberstadt. Michèle searching for Max, in corso presso la IKONA Photo Gallery di Venezia, racconta l’intimo percorso che la scrittrice francese e produttrice cinematografica Michèle Halberstadt decise di intraprendere nella ricerca delle proprie origini. I punti salienti della sua scoperta trovano qui la loro immagine attraverso le fotografie di Max Halberstadt (1882-1940), uno dei fotografi ritrattisti più noti di Amburgo degli anni Venti. Gli iconici ritratti del suocero, il medico neurologo Sigmund Freud, insieme agli scatti veneziani e amburghesi diventano in mostra e per Michèle, un’occasione di racconto e ricostruzione della storia degli “Halberstadt” e memoria dei grandi sconvolgimenti che caratterizzarono la prima metà del Novecento.

Testo matrice di questa mostra è il libro Née quelque part di Michèle Halberstadt, pubblicato dalla casa editrice Albin Michel nel 2021. “Nato da qualche parte”, in italiano, mette per iscritto le tappe che l’autrice percorse nella ricerca delle proprie origini e radici. Tra Amburgo, Vienna, Halbers- tadt e Wegrow, dove nacque suo padre David, un ebreo polacco, Michèle ha viaggiato e sfogliato tra gli archivi cercando quel “qualche parte” della sua storia e del suo nome.

Max Halberstadt, formatosi tra Monaco, Parigi e Basel, allestì il suo primo studio fotografico nel 1907 ad Amburgo, all’età di soli 25 anni. Dopo aver prestato servizio durante la Prima guerra mondiale, la sua attività ottenne fin da subito grandi riconoscimenti, conferendogli la pubblicazione e la pubblicità in alcune delle più importanti riviste di fotografia dell’epoca, come Hamburger. Theater-Zeitung, Das Atelier Des Photo Graphen e Photofreund. La sua ricerca e interesse furono volti non solo all’ambito della ritrattistica ma anche a quello paesaggistico con una particolare attenzione per la realtà cittadina. Max amava catturare momenti apparentemente insignificanti della vita di ogni giorno in statiche foto documentarie. Il mercato di Amburgo, il Ponte dei Sospiri e Piazza San Marco a Venezia aprono oggi un importante sguardo sulla storia sociale della vita di città di quegli anni.

Tale raffinato e ricercato stile delle sue fotografie non passò inosservato nemmeno al neurologo e filosofo austriaco Sigmund Freud, che gli venne in visita per dare un volto alle sue prime pubblicazioni e saggi scientifici. La reciproca fiducia e stima professionale, generatasi da questo incontro, abbracciò ben presto anche quella familiare, quando Sigmund diede sua figlia Sophie in sposa a Max.

L’esposizione The Halberstadt. Michèle searching for Max mette in mostra le foto, i documenti, e gli intimi e personali commenti della scrittrice ai destini degli Halberstadt. Le fotografie presentate scandiscono attraverso immagini le parole della sua ricerca. La fuga di Max dal Nazismo verso Johannesburg, la morte delle sorelle Hinde e Mindel del padre di Michèle nel campo di sterminio di Treblinka, come la scomparsa di Sophie per influenza spagnola, vengono qui illustrati in forma di micro-racconto, ma anche come documento e memoria di quella che fu la macro-storia degli ebrei nel Novecento.

Per tutte le informazioni, potete visitare il sito ufficiale della IKONA Photo Gallery.

Nell’immagine: Sigmund Freud. Ph. credit: IKONA Photo Gallery

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraThe Halberstadt. Michèle searching for Max
CittàVenezia
SedeIKONA Photo Gallery
DateDal 01/09/2022 al 30/10/2022
ArtistiMax Halberstadt
CuratoriŽiva Kraus
TemiFotografia

Venezia, in mostra il percorso di Michèle Halberstadt attraverso gli scatti di Max Halberstadt
Venezia, in mostra il percorso di Michèle Halberstadt attraverso gli scatti di Max Halberstadt


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Da Rembrandt a Holbein, da Borgianni a Mattia Preti: le mostre del 2020 delle Gallerie Barberini-Corsini
Da Rembrandt a Holbein, da Borgianni a Mattia Preti: le mostre del 2020 delle Gallerie Barberini-Corsini
Verona, le incisioni di Mazur sull'Inferno dantesco tornano in mostra dopo vent'anni a Castelvecchio
Verona, le incisioni di Mazur sull'Inferno dantesco tornano in mostra dopo vent'anni a Castelvecchio
Milano, al Museo della Permanente la mostra di Luisella Traversi Guerra
Milano, al Museo della Permanente la mostra di Luisella Traversi Guerra
Trieste festeggia i 150 anni del Museo Revoltella con una mostra delle sue sculture
Trieste festeggia i 150 anni del Museo Revoltella con una mostra delle sue sculture
A Pisa la grande mostra su Keith Haring, con 170 opere della Nakamura Collection. Le foto
A Pisa la grande mostra su Keith Haring, con 170 opere della Nakamura Collection. Le foto
Torino, la Madonna delle Partorienti di Antoniazzo Romano in mostra dal Vaticano
Torino, la Madonna delle Partorienti di Antoniazzo Romano in mostra dal Vaticano