Venezia vista dalle sue statue durante il lockdown, nelle 52 foto di Marco Sabadin


Una Venezia insolita, quella delle fotografie di Marco Sabadin in mostra al Fondaco dei Tedeschi: il fotografo ha infatti visto la città, durante il lockdown del 2020, dagli occhi delle statue. La mostra è aperta fino al 30 marzo 2022.

Il Fondaco dei Tedeschi presenta dal 14 gennaio al 30 marzo 2022 la mostra fotografica Sguardi di Pietra. Venezia vista dalle sue statue, una selezione di 52 immagini del fotografo Marco Sabadin su Venezia attraverso l’occhio privilegiato di un drone che ha sorvolato la città nel 2020 durante il lockdown della primavera scorsa e continuato nel 2021.

Un viaggio che inizia dalla stazione e arriva fino all’Arsenale, passando per San Marco, Rialto, San Polo, toccando S. Nicolò dei Mendicoli per risalire ancora fino alla Salute giungendo finalmente attraverso la Giudecca all’isola di San Giorgio. 52 pannelli fotografici stampati di diversa grandezza e posti a diverse altezze rispetto al punto di ripresa; immagini di generose dimensioni che vanno dal 100 x 140 cm per arrivare al formato 200 x 140 cm.

“Ho pensato di girovagare per Venezia immaginando di essere un uccello che sorvola a bassissima quota la città, accarezzando tetti e statue, campanili e capitelli”, dichiara il fotografo Marco Sabadin. “Un punto di vista che mi ha sempre affascinato e che nel corso del tempo ho cercato di rendere concreto attraverso gli strumenti che avevo a disposizione, ma purtroppo con scarsi risultati, fino all’avvento dei droni. Durante il lockdown ho avuto l’occasione e i permessi per far sorvolare un drone sulla città per documentare Venezia e ho così realizzato un sogno: guardare questa meravigliosa città da punti di vista inconsueti”.

Marco Sabadin nasce il 4 dicembre 1959 a Venezia, città dove vive e lavora. Pilota di APR dal 2014, da quarant’anni vive di fotografia, operando non solamente nel veneziano ma spostandosi spesso anche nel triveneto, corredando con le sue foto le notizie di varie testate giornalistiche locali, nazionali e agenzie internazionali. Vision, agenzia del quale è socio dal 1986, fornisce inoltre servizi fotografici a diverse istituzioni veneziane. La sede in centro storico arricchisce la proposta fotografica ai propri clienti grazie ad una sala di posa allestita sia per still life che per ritrattistica.

Nell’immagine: Marco Sabadin, Angelo San Giorgio

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraSguardi di Pietra. Venezia vista dalle sue statue
CittàVenezia
SedeFondaco dei Tedeschi
DateDal 14/01/2022 al 30/03/2022
ArtistiMarco Sabadin
TemiFotografia

Venezia vista dalle sue statue durante il lockdown, nelle 52 foto di Marco Sabadin
Venezia vista dalle sue statue durante il lockdown, nelle 52 foto di Marco Sabadin


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Visionarea Art Space di Roma omaggia Nanni Balestrini, scomparso pochi giorni fa
Visionarea Art Space di Roma omaggia Nanni Balestrini, scomparso pochi giorni fa
Roma, in autunno la mostra di Banksy al Chiostro del Bramante con oltre 90 opere
Roma, in autunno la mostra di Banksy al Chiostro del Bramante con oltre 90 opere
Pietrasanta, doppia mostra alla Accesso Galleria con Luca Moscariello e Kelly Robert
Pietrasanta, doppia mostra alla Accesso Galleria con Luca Moscariello e Kelly Robert
Sun Yuan e Peng Yu tornano in Italia dopo il successo alla Biennale. Mostra a Roma e talk a Carrara
Sun Yuan e Peng Yu tornano in Italia dopo il successo alla Biennale. Mostra a Roma e talk a Carrara
Scuderie del Quirinale, annunciata una grande mostra sull'Inferno di Dante
Scuderie del Quirinale, annunciata una grande mostra sull'Inferno di Dante
A Perugia una mostra su Raffaello e l'Umbria, che è sia digitale sia... reale
A Perugia una mostra su Raffaello e l'Umbria, che è sia digitale sia... reale