Venezia, a Palazzo Grimani le foto di Inge Morath dedicate alla città lagunare


Per la prima volta in Italia vengono esposte le fotografie di Inge Morath dedicate a Venezia. Succede, nel centenario della nascita della fotografa austriaca, al Museo di Palazzo Grimani di Venezia, dal 18 gennaio al 4 giugno 2023.

È una Inge Morath inedita quella che il Museo di Palazzo Grimani di Venezia mostra al pubblico dal 18 gennaio al 4 giugno 2023 nella mostra intitolata Inge Morath. Fotografare da Venezia in poi, a cura di Kurt Kaidl e Brigitte Blüml, con Valeria Finocchi, e promossa dalla Direzione Regionale Musei Veneto e dalla società Suazes che, alcuni anni fa, ha fatto conoscere in maniera dettagliata la carriera di questa fotografa in Italia. La rassegna approfondisce infatti la figura della fotografa austriaca Inge Morath (Graz, 1923 – New York, 2022) nel centenario della nascita con una sezione inedita per l’Italia dedicata proprio a Venezia, dove la sua carriera ebbe avvio. Fu l’amore a condurre nel novembre del 1951 Inge Morath e Lionel Burch, neo sposi, a Venezia. E furono il maltempo in Laguna e Robert Capa, a far diventare lei, che con la fotografia non aveva dimestichezza diretta ma che collaborava già con la celebre agenzia fotografica parigina, la prima donna fotografa dell’Agenzia Magnum Photos.

La mostra focalizza la Venezia di Inge Morath, attraverso il celebre reportage che la fotografa realizzò in Laguna, quando l’Agenzia Magnum la inviò in città per conto de L’Oeil, rivista d’arte che aveva scelto di corredare con scorci veneziani un reportage della mitica Mary McCarthy.

All’epoca del primo soggiorno veneziano, la Morath lavorava in Magnum non come fotografa ma come collaboratrice redazionale. In pratica si occupava, anche grazie alla sua conoscenza delle lingue, della realizzazione delle didascalie che accompagnavano le immagini dei suoi colleghi fotografi, del calibro di Henri Cartier-Bresson, David Seymour, George Rodger e Robert Capa.

Non fotografava, ma non le mancavano occhio e sensibilità. In quel novembre, la luce di Venezia sotto la pioggia la stregò, tanto da indurla a chiamare Robert Capa, responsabile della Magnum, per suggerirgli di inviare un fotografo in grado di catturare la magia che tanto la stava stupendo. Capa le rispose che un fotografo di Magnum a Venezia c’era già: era lei con la macchina fotografica. Non restava che comprare un rullino, caricarla e iniziare a fotografare. “Ero tutta eccitata”, avrebbe poi detto Inge Morath. “Sono andata nel luogo in cui volevo scattare le mie fotografie e mi sono fermata: un angolo di strada dove la gente passava in un modo che mi sembrava interessante. Ho regolato la fotocamera e ho premuto il pulsante di scatto non appena ho visto che tutto era esattamente come volevo. È stata come una rivelazione. Realizzare in un istante qualcosa che mi era rimasto dentro per così tanto tempo, catturandolo nel momento in cui aveva assunto la forma che sentivo giusta. Dopo di che, non c’è stato più modo di fermarmi”.

Nel 1955, quattro anni dopo quelle prime fotografie, arriva l’incarico dalla rivista L’Oeil. Una volta a Venezia, avverte l’urgenza di esplorare la città e così “per ore andai in giro senza meta, solo a guardare, ossessionata dalla pura gioia di vedere e scoprire un luogo. Ovviamente avevo divorato libri su Venezia, sulla pittura e su quello che avrei dovuto fare. Il mio cervello ne era pieno... ”.

“Il mio divertimento maggiore era quello di sedermi alla Scuola degli Schiavoni ed immergermi nelle opere di Carpaccio, quasi sempre da sola. O passare il tempo in compagnia del Tiepolo, era la fine del mondo. La sera i miei piedi erano stanchi e anche nel sonno mi trovavo ancora a camminare su innumerevoli ponti, le onde dei canali come pietrificate”.

La mostra nel suo complesso raccoglie circa 200 fotografie che avranno un focus specifico e inedito su Venezia anche con il supporto di documentazione inedita. Molte di queste fotografie veneziane, circa un’ottantina, non sono mai state esposte prima in Italia.A corredo una selezione dei suoi principali reportage fotografici dedicati alla Spagna, Iran, Francia, Inghilterra-Irlanda, Stati Uniti d’America, Cina e Russia, oltre che la sezione dedicata ai ritratti, sezione molto importante nella sua ultima parte di carriera.

Come dichiara Daniele Ferrara, direttore regionale Musei Veneto: “Prosegue il rapporto del Museo di Palazzo Grimani, Istituto statale della Direzione regionale musei Veneto – Ministero della Cultura, con espressioni alte della creatività contemporanea Il concetto è quello di un museo laboratorio, che eredita quella funzione di crogiuolo di esperienze artistiche svolta dal Palazzo tra il Cinque e il Settecento. Successivamente ad Archinto, mostra site specific del maestro tedesco Georg Baselitz con opere dialoganti con lo spazio del Palazzo e la sua collezione, il museo ha accolto l’esposizione di importanti artisti italiani del fumetto, Dopo la fine. Architetture narrative e nuove umanità. Ora il Museo volge lo sguardo alla fotografia ed è scelta che scaturisce anche dall’impegno congiunto della Direzione Musei Veneto e dell’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione per lo studio, la tutela e la valorizzazione del patrimonio fotografico”.

Concetti che vengono confermati da Valeria Finocchi, direttrice del Museo di Palazzo Grimani: “Il Museo da alcuni anni è oggetto di un’importante processo di valorizzazione grazie alla fattiva collaborazione pubblico-privato con prestigiose realtà come la Fondazione Venetian Heritage e all’incessante lavoro di costruzione di nuovi contenuti e nuove prospettive di lettura del suo prezioso patrimonio artistico e architettonico, che impegnano lo staff interno e i collaboratori dalla ricerca storico-museologica fino alla progettazione di esperienze di alta divulgazione ed educative. Attraverso il riallestimento di numerosi ambienti del piano nobile, tra cui la celebre Tribuna, nel 2019, e la Sala del Doge, nel 2021, il Palazzo è tornato al centro della scena culturale veneziana e oggi si rivolge a pubblici differenziati, in un rinnovato rapporto con la città stessa grazie a progetti dedicati al recupero del patrimonio immateriale del territorio di riferimento”.

Marco Minuz di Suazes come coorganizzatore del progetto espositivo, afferma: “Questa collaborazione con la Direzione museale del Veneto e con il Museo di Palazzo Grimani valorizza un lavoro da noi abbiamo intrapreso qualche anno per far scoprire al nostro paese la figura di questa straordinaria figura. Ricostruire un progetto calandolo sul lavoro che Inge Morath dedicò a questa città rappresenta il miglior modo per celebrare la sua nascita”.

Orari: martedì-domenica dalle 10.00 alle 19.00; ultimo ingresso ore 18.30. Lunedì chiuso. Per info: https://ingemorathexhibition.com

Immagine: Inge Morath, Venezia, 1955 ©Fotohof archiv / Inge Morath / Magnum Photos

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraInge Morath. Fotografare da Venezia in poi
CittàVenezia
SedeMuseo di Palazzo Grimani
DateDal 18/01/2023 al 04/06/2023
ArtistiInge Morath
CuratoriBrigitte Blüml–Kaindl, Kurt Kaindl, Valeria Finocchi
TemiFotografia

Venezia, a Palazzo Grimani le foto di Inge Morath dedicate alla città lagunare
Venezia, a Palazzo Grimani le foto di Inge Morath dedicate alla città lagunare


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Prorogata la prima monografica di sempre dedicata a Taddeo di Bartolo alla Galleria Nazionale dell'Umbria
Prorogata la prima monografica di sempre dedicata a Taddeo di Bartolo alla Galleria Nazionale dell'Umbria
La Pinacoteca Nazionale di Bologna apre una mostra dedicata a Luciano De Vita
La Pinacoteca Nazionale di Bologna apre una mostra dedicata a Luciano De Vita
Al PAC di Milano in mostra l'arte giapponese contemporanea con focus su corpo e performance
Al PAC di Milano in mostra l'arte giapponese contemporanea con focus su corpo e performance
Trento, alla Galleria Civica la personale di Wainer Vaccari “Certezze soggettive”
Trento, alla Galleria Civica la personale di Wainer Vaccari “Certezze soggettive”
Firenze, in mostra il celeberrimo ritratto allegorico di Dante eseguito dal Bronzino
Firenze, in mostra il celeberrimo ritratto allegorico di Dante eseguito dal Bronzino
Pittrice surrealista, scenografa, scrittrice: Leonor Fini in mostra a Trieste
Pittrice surrealista, scenografa, scrittrice: Leonor Fini in mostra a Trieste



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020