Gli autoritratti di Vivian Maier, alcuni inediti, protagonisti di una mostra a Trieste


Il Magazzino delle Idee di Trieste accoglie dal 20 luglio al 22 settembre 2019 la mostra Vivian Maier, The Self-Portrait and its Double.

Il Magazzino delle Idee di Trieste accoglie dal 20 luglio al 22 settembre 2019 per la prima volta in Italia la mostra Vivian Maier, The Self-Portrait and its Double

La rassegna, realizzata e organizzata dall’Ente per il patrimonio culturale del Friuli Venezia Giulia in collaborazione con diChroma photography di Madrid, John Maloof Collection e Howard Greenberg Gallery di New York, presenta settanta autoritratti, di cui undici a colori mai esposti finora in Italia, che raccontano la celebre fotografa Vivian Maier (New York, 1926 - Chicago, 2009) divenuta icona della storia della fotografia

Tra i suoi temi ricorrenti, scene di strada, ritratti di sconosciuti, i bambini e ovviamente gli autoritratti: questi ultimi erano per lei una ricerca della sua identità. Nei suoi autoritratti è spesso presente l’ombra, la quale ha la capacità di rendere presente ciò che è assente. 

L’esposizione intende omaggiare la straordinaria artista, il cui talento è stato scoperto dopo la sua scomparsa.

“Ciò che sorprende nella storia di Vivian Maier è come questa donna da una parte accetti la sua condizione di bambinaia e, allo stesso tempo, trovi invece la sua libertà nell’essere qualcun altro, la fotografa di strada Vivian Maier; questo dualismo, generato dallo scontro tra le due anime, ha dato vita a una vicenda senza paragoni nella storia della fotografia, che in questa mostra viene raccontata per la prima volta in Italia attraverso i ritratti dell’autrice” afferma la curatrice Anne Morin.

Inedite in mostra sono le immagini a colori, realizzate con una Leica agli inizi degli anni Settanta; fotocamera leggera e facile da portare e che permetteva una ripresa direttamente a livello dell’occhio.

Presente inoltre una serie di filmati in super 8mm ad opera della stessa Vivian Maier. Nel 1960 l’artista cominciò a filmare scene di strada, eventi e luoghi: filma ciò che la porta all’immagine fotografica, osservando il soggetto, fermandosi e seguendolo; ingrandendo con  la lente per avvicinarsi senza avvicinarsi fisicamente. Il suo approccio cinematografico è strettamente legato al suo linguaggio da fotografa.

Per info: www.magazzinodelleidee.it

Orari: Da martedì a domanica dalle 10 alle 20. Chiuso il lunedì. 

Biglietti: Intero 6 euro, ridotto 4 euro. Gratuito per bambini fino a 6 anni non compiuti. 

Ph.Credit: Estate of Vivian Maier, Courtesy of Maloof Collection and Howard Greenberg Gallery, NY

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraVivian Maier, The Self-Portrait and its Double
CittàTrieste
SedeMagazzino delle Idee
DateDal 20/07/2019 al 22/09/2019
ArtistiVivian Maier
TemiFotografia

Gli autoritratti di Vivian Maier, alcuni inediti, protagonisti di una mostra a Trieste
Gli autoritratti di Vivian Maier, alcuni inediti, protagonisti di una mostra a Trieste


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Al Museo Correr i disegni della collezione Prat
Al Museo Correr i disegni della collezione Prat
In arrivo al Chiostro del Bramante Enjoy, l'arte che incontra il divertimento
In arrivo al Chiostro del Bramante Enjoy, l'arte che incontra il divertimento
Le opere di Charles Szymkowicz celebrano a Siena la Giornata della Memoria
Le opere di Charles Szymkowicz celebrano a Siena la Giornata della Memoria
Un'opera di Fabio Viale nel Battistero di Pietrasanta
Un'opera di Fabio Viale nel Battistero di Pietrasanta
Agli Uffizi in mostra i bozzetti di Luca Giordano e Taddeo Mazzi
Agli Uffizi in mostra i bozzetti di Luca Giordano e Taddeo Mazzi
Un ritratto di un pianeta selvaggio per documentare un mondo fragile che rischiamo di perdere
Un ritratto di un pianeta selvaggio per documentare un mondo fragile che rischiamo di perdere