Gli autoritratti di Vivian Maier, alcuni inediti, protagonisti di una mostra a Trieste


Il Magazzino delle Idee di Trieste accoglie dal 20 luglio al 22 settembre 2019 la mostra Vivian Maier, The Self-Portrait and its Double.

Il Magazzino delle Idee di Trieste accoglie dal 20 luglio al 22 settembre 2019 per la prima volta in Italia la mostra Vivian Maier, The Self-Portrait and its Double

La rassegna, realizzata e organizzata dall’Ente per il patrimonio culturale del Friuli Venezia Giulia in collaborazione con diChroma photography di Madrid, John Maloof Collection e Howard Greenberg Gallery di New York, presenta settanta autoritratti, di cui undici a colori mai esposti finora in Italia, che raccontano la celebre fotografa Vivian Maier (New York, 1926 - Chicago, 2009) divenuta icona della storia della fotografia

Tra i suoi temi ricorrenti, scene di strada, ritratti di sconosciuti, i bambini e ovviamente gli autoritratti: questi ultimi erano per lei una ricerca della sua identità. Nei suoi autoritratti è spesso presente l’ombra, la quale ha la capacità di rendere presente ciò che è assente. 

L’esposizione intende omaggiare la straordinaria artista, il cui talento è stato scoperto dopo la sua scomparsa.

“Ciò che sorprende nella storia di Vivian Maier è come questa donna da una parte accetti la sua condizione di bambinaia e, allo stesso tempo, trovi invece la sua libertà nell’essere qualcun altro, la fotografa di strada Vivian Maier; questo dualismo, generato dallo scontro tra le due anime, ha dato vita a una vicenda senza paragoni nella storia della fotografia, che in questa mostra viene raccontata per la prima volta in Italia attraverso i ritratti dell’autrice” afferma la curatrice Anne Morin.

Inedite in mostra sono le immagini a colori, realizzate con una Leica agli inizi degli anni Settanta; fotocamera leggera e facile da portare e che permetteva una ripresa direttamente a livello dell’occhio.

Presente inoltre una serie di filmati in super 8mm ad opera della stessa Vivian Maier. Nel 1960 l’artista cominciò a filmare scene di strada, eventi e luoghi: filma ciò che la porta all’immagine fotografica, osservando il soggetto, fermandosi e seguendolo; ingrandendo con  la lente per avvicinarsi senza avvicinarsi fisicamente. Il suo approccio cinematografico è strettamente legato al suo linguaggio da fotografa.

Per info: www.magazzinodelleidee.it

Orari: Da martedì a domanica dalle 10 alle 20. Chiuso il lunedì. 

Biglietti: Intero 6 euro, ridotto 4 euro. Gratuito per bambini fino a 6 anni non compiuti. 

Ph.Credit: Estate of Vivian Maier, Courtesy of Maloof Collection and Howard Greenberg Gallery, NY

Gli autoritratti di Vivian Maier, alcuni inediti, protagonisti di una mostra a Trieste
Gli autoritratti di Vivian Maier, alcuni inediti, protagonisti di una mostra a Trieste


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER