A Milano la personale di Yael Bartana per porre fine alla cultura distruttiva delle armi


La Galleria Raffaella Cortese di Milano ospita la personale dell’artista isreliana Yael Bartana, dal titolo Patriarchy is history.

A Milano, presso la Galleria Raffaella Cortese, sarà aperta dal 28 febbraio al 9 maggio 2020 la personale dell’artista israeliana Yael Bartana, Patriarchy is history.

Il titolo rimanda alla grande opera neon Patriarchy is history del 2019, esposta in mostra, che intende essere una dichiarazione diretta che da una parte s’ispira agli eventi e alle questioni attuali e dall’altra parte costituisce una realtà sistemica della storia globale.

In occasione della personale, Yael Bartana (Kfar Yehezkel, 1970) presenterà per la prima volta in Italia The Undertaker, opera video girata a Filadelfia, che nasce dalla performance pubblica Bury Our Weapons, Not Our Bodies!, nella quale si vede una marcia di individui armati guidati da un misterioso leader tra le strade della città. La marcia ha come meta il cimitero di Laurel Hill, dove avviene una simbolica sepoltura delle armi. Ispirato alle processioni militari come celebrazioni di guerra, il progetto nasce in una realtà attuale che celebra il diritto di possesso e utilizzo delle armi. Il rituale rappresenta una reazione al secondo emendamento della costituzione americana, un forte appello a porre fine alla cultura distruttiva delle armi.

Oltre al video, sarà visibile una serie fotografica con alcuni momenti significativi di The Undertaker. Queste fotografie, realizzate durante la performance ed esposte per la prima volta al pubblico, intendono indagare le numerose sfumature di gesti, elementi e simboli di tutta la performance.
All’interno di vetrine museali saranno collocati alcuni fossili di armi risalenti a differenti epoche storiche, le stesse portate in corteo durante la performance. Artefatti del “futuro passato” che sono tracce del presente caratterizzato dalla violenza e che suggeriscono un futuro ipotetico e immaginario, la cui realizzazione dipende dall’azione dei governi e degli individui in tutto il mondo. 

Per info: raffaellacortese.com

Orari: Da martedì a sabato dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.30 e su appuntamento. 

Immagine: Yael Bartana, Bury Our Weapons, Not Our Bodies! (2018)

A Milano la personale di Yael Bartana per porre fine alla cultura distruttiva delle armi
A Milano la personale di Yael Bartana per porre fine alla cultura distruttiva delle armi


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER