Alla scoperta degli animali fantastici nei musei italiani


Finestre sull’Arte, in collaborazione con il Ministero della Cultura, lancia una serie di articoli dedicati agli animali fantastici che è possibile trovare nei musei italiani. Venti uscite, una per ogni regione. Seguiteci dalla prossima settimana!

Non è raro trovare rappresentati in opere d’arte, tra dipinti, disegni e sculture, animali e creature fantastiche che sembrano usciti da qualche attuale saga cinematografica di genere fantasy, ma che in realtà sono frutto dell’abilità pittorica o scultorea di artisti del passato, che risalgono addirittura a secoli fa. A partire dall’antichità fino al Rinascimento, passando per il Medioevo, molti artisti hanno infatti popolato le loro opere di animali che provengono dal mondo mitologico, letterario e dagli antichi bestiari. E allora vi chiederete, dove è possibile trovare queste opere? In alcuni musei italiani sicuramente.

A questo proposito, se siete curiosi, dalla prossima settimana pubblicheremo sulle nostre pagine, in collaborazione con il Ministero della Cultura, una serie di articoli, uno per ogni regione della nostra penisola, dedicati proprio a questo tema, ovvero agli animali e alle creature fantastiche presenti nei musei statali di tutta Italia.

Si parlerà ad esempio del famoso bronzo etrusco conosciuto come la Chimera di Arezzo, un incrocio tra un leone, una capra e un serpente, conservato presso il Museo Archeologico Nazionale di Firenze, e della Testa di Medusa custodita al Museo Nazionale Romano. Si conoscerà la grande bestia dalle sette teste affrescata nell’Abbazia di Pomposa e il gruppo scultoreo risalente al I secolo d.C. raffigurante una Nereide, ninfa marina, che cavalca un pistrice, leggendario mostro marino dalla coda di serpente, conservato al MANN - Museo Archeologico Nazionale di Napoli. E ancora, il grande mostro marino che sta per scagliarsi su Andromeda nel dipinto delle Gallerie degli Uffizi in cui Piero di Cosimo ha raffigurato la liberazione della fanciulla da parte di Perseo, e la statua di Ercole che uccide l’Idra di Lerna custodita ai Musei Capitolini di Roma. Si farà poi un salto al Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo dove è conservato un dipinto del pittore cinquecentesco Luca Longhi che ritrae una giovane donna con un unicorno. Sempre a Roma, alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna, è visibile la Lotta di centauri di Giorgio De Chirico. Se si visita la Pinacoteca Nazionale di Bologna ci si troverà invece davanti al dipinto con San Giorgio e il drago del pittore del Trecento bolognese Vitale da Bologna, mentre fa parte delle collezioni di Palazzo Madama di Torino la statuetta raffigurante l’Arpia, creatura con viso di donna e corpo d’uccello, e della collezione del Museo Civico Archeologico di Milano un’anfora con Teseo e il Minotauro la cui lotta, secondo il mito, avvenne nel famoso Labirinto. E tanti tanti altri ancora.

Seguiteci dunque in questo viaggio da Nord a Sud alla scoperta degli animali fantastici nelle opere dei musei statali italiani! Sarà un’occasione per conoscere questo originale aspetto e per visitare i musei in famiglia, in compagnia dei vostri bambini, divertendovi insieme in tutta sicurezza, nel rispetto di tutte le norme di accesso previste.

Arte etrusca, Chimera di Arezzo (seconda metà-fine del V secolo a.C.; bronzo, altezza 78,5 cm; Firenze, Museo Archeologico Nazionale)
Arte etrusca, Chimera di Arezzo (seconda metà-fine del V secolo a.C.; bronzo, altezza 78,5 cm; Firenze, Museo Archeologico Nazionale)
Piero di Cosimo, Perseo libera Andromeda (1510-1515; tempera grassa su tavola, 70 x 120 cm; Firenze, Uffizi)
Piero di Cosimo, Perseo libera Andromeda (1510-1515; tempera grassa su tavola, 70 x 120 cm; Firenze, Uffizi)
Scuola bolognese, Bestia dalle sette teste (1350 circa; affresco; Pomposa, Abbazia di Pomposa)
Scuola bolognese, Bestia dalle sette teste (1350 circa; affresco; Pomposa, Abbazia di Pomposa)

Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE