Caserta, restauro per la fontana di Diana e Atteone, capolavoro del Parco Reale


La fontana di Diana e Atteone, uno dei più importanti gruppi scultorei del Parco Reale della Reggia di Caserta, sarà a breve restaurata.

Alla Reggia di Caserta parte il restauro della Fontana di Diana e Atteone. L’intervento verrà eseguito grazie all’associazione Soroptimist International: il club di Caserta, presieduto da Giulia Polverino, ha vinto un concorso lanciato dall’associazione internazionale, imponendosi su altre 22 proposte arrivate dai circoli di tutta Italia, relative ad altrettanti siti. Il circolo di Caserta può così ottenere i 40mila euro del Fondo per l’arte messo a disposizione dall’associazione internazionale per un intervento sui gruppi scultorei più importanti e celebri del Parco Reale realizzati da Tommaso e Pietro Solari, Paolo Persico e Angelo Brunelli.

Il Fondo per l’arte del Soroptimist International Italia ha la finalità di finanziare interventi di salvaguardia, conservazione e restauro a tutela del patrimonio culturale ed artistico italiano. Il progetto del gruppo casertano è arrivato, alla tornata di selezione, ex aequo con due opere ospitate a Firenze nella chiesa di Santa Croce. Al congresso nazionale è stato votato massicciamente dalle delegate del Soroptimist international, e Caserta ha dunque potuto conquistare il primo posto. L’obiettivo della proposta del club di Terra di Lavoro è contribuire alla conservazione del patrimonio della Reggia di Caserta con un soggetto che simboleggi il tema della donne, della loro forza e del loro valore: il complesso statuario posto sotto la cascata del Torrione del Parco Reale, infatti, narra il mito di Diana e Atteone. La leggenda racconta che la dea, accortasi che il cacciatore la stava spiando mentre faceva il bagno con le sue ninfe, per vendetta lo tramutò in un cervo. Atteone divenne quindi preda dei suoi cani che sono rappresentati nell’atto di sbranarlo.

“La rete territoriale rappresenta per il patrimonio culturale italiano una importante risorsa”, afferma il direttore generale della Reggia di Caserta, Tiziana Maffei. “Il dialogo e la condivisione di progetti e prospettive con le forze attive e propositive della comunità è sempre foriero di grandi risultati. Ringrazio il Soroptimist international e il club di Caserta per aver pensato al coinvolgimento del nostro Istituto museale, protagonista, nell’ultimo anno e mezzo, di molti interventi di restauro e conservazione. Nella nostra missione la salvaguardia del patrimonio culturale custodito è occasione di costruzione di relazioni, sostegno alle professionalità, conoscenza della materia costitutiva dei beni e soprattutto trasmissione dei valori di cura e responsabilità condivisa”.

“I progetti presentati erano tutti validi, ma questo che interessa la fontana di Diana e Atteone ha un significato particolare perché in essa c’è il mito, il senso della rinascita nell’acqua, la bellezza, l’arte, la donna violata nella sua privacy che punisce il responsabile di questa violenza ante litteram”, afferma la presidente nazionale di Soroptimist Mariolina Coppola. “Inoltre si trova in una Reggia fra le più belle al mondo, sito Unesco, che richiama centinaia di migliaia di visitatori ogni anno. Ciliegine sulla torta: il direttore generale del museo è una donna, Tiziana Maffei, così come il funzionario restauratore che dirigerà l’intervento, Anna Manzone”.

Caserta, restauro per la fontana di Diana e Atteone, capolavoro del Parco Reale
Caserta, restauro per la fontana di Diana e Atteone, capolavoro del Parco Reale


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma