Berlino, chiude il Verborgene Museum, il museo delle artiste dimenticate e sconosciute


A Berlino ha chiuso i battenti dopo oltre trentacinque anni il Verborgene Museum, il museo che si dedicava alla scoperta e alla ricerca delle donne artiste cadute nell’oblio. Ora ha passato il testimone alla Berlinische Galerie. 

Dopo oltre trentacinque anni ha chiuso i battenti a Berlino il Verborgene Museum l’1 gennaio 2022. Dal 1986 era situato nella Schlüterstrasse al numero 70 del quartiere di Charlottenburg, dedicandosi alla ricerca delle donne artiste dimenticate. Ora il sito web è ancora disponibile per dare la possibilità di continuare a far conoscere gli sviluppi di tale ricerca, ma il museo ha trasferito la sua attività alla Berlinische Galerie - Landesmuseum für Moderne Kunst, Fotografie und Architektur nel quartiere berlinese di Kreuzberg.

Fondato a Berlino del 1986, il Verborgene Museum era un’associazione senza scopo di lucro che riceveva sostegno dal programma per donne artiste promosso dal Senato per la scienza, la ricerca e la cultura di Berlino. Era frutto di un’indagine svolta nei musei della città dal 1984 al 1987, nel corso della quale erano state scoperte negli archivi opere e collezioni di oltre cinquecento artiste di cui solo una piccola parte è conosciuta. Obiettivo del museo era quindi quello di far conoscere a tutti la biografia e l’arte di autrici cadute nell’oblio per i più svariati motivi, dedicandosi con tanta passione alla presentazione pubblica e alla valutazione accademica delle artiste dei secoli passati o di coloro che non lavorano più nel mondo dell’arte.

Tra queste artiste dimenticate ci sono pittrici, fotografe, scultrici, architette che appartengono soprattutto alla generazione nata intorno all’inizio del Novecento.

Negli ultimi trent’anni il museo ha posto l’attenzione del pubblico su circa cento opere di artiste attraverso mostre e pubblicazioni, ponendo le basi per la loro inclusione nel mondo accademico e nel mercato dell’arte con pubblicazioni specialistiche. ha sviluppato inoltre una rete con musei, archivi, università, galleristi e personalità del mondo dell’arte, grazie alla quale sono emersi talvolta lasciti dimenticati.

Causa della sua chiusura nel quartiere di Charlottenburg è il personale ridotto sia per motivi di finanziamento che di pensionamento, poiché i fondatori stanno andando in pensione. “È molto difficile ottenere finanziamenti per lavorare su artiste sconosciute; è molto più facile se si lavora su Picasso”, ha commentato Marion Beckers, cofondatrice e conservatrice del Verborgene Museum. “Spesso abbiamo dato l’impulso passando poi ad altri il testimone”, ha aggiunto.

Ora la Berlinische Galerie - Landesmuseum für Moderne Kunst, Fotografie und Architektur ha dichiarato di voler continuare la scoperta e la ricerca sulle donne artiste, istituzionalizzare in un museo la collezione e proseguire il lavoro di archivio per accrescerlo.

Berlino, chiude il Verborgene Museum, il museo delle artiste dimenticate e sconosciute
Berlino, chiude il Verborgene Museum, il museo delle artiste dimenticate e sconosciute


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Uffizi: Schmidt parla in cinese e apre una nuova sezione video sul sito
Uffizi: Schmidt parla in cinese e apre una nuova sezione video sul sito
Apre a Cividale del Friuli la collezione permanente del Novecento, da Toulouse-Lautrec a Vedova
Apre a Cividale del Friuli la collezione permanente del Novecento, da Toulouse-Lautrec a Vedova
Firenze, al Museo del Novecento la grande Valie Export ospite per la giornata contro la violenza sulle donne
Firenze, al Museo del Novecento la grande Valie Export ospite per la giornata contro la violenza sulle donne
Il Museo Poldi Pezzoli organizza... ripassi di storia dell'arte, dal Rinascimento all'Ottocento
Il Museo Poldi Pezzoli organizza... ripassi di storia dell'arte, dal Rinascimento all'Ottocento
La Quadriennale di Roma sempre più social: ecco le sue iniziative online
La Quadriennale di Roma sempre più social: ecco le sue iniziative online
Giovedì grande convegno online sui musei con 40 ospiti: è il primo del suo genere dopo l'inizio del Covid
Giovedì grande convegno online sui musei con 40 ospiti: è il primo del suo genere dopo l'inizio del Covid