Il Rijksmuseum di Amsterdam lancia un escape game per diventare... investigatori nel museo


Il Rijksmuseum di Amsterdam lancia un escape game per vivere il museo in un modo nuovo e unico: tutti investigatori per un giorno nel museo olandese!

È notte al Rijksmuseum di Amsterdam e il custode di turno, Bert, diverse ore dopo l’orario di chiusura si accorge che nel suo giro di perlustrazione non è solo. C’è un’ombra che si aggira nella biblioteca del museo: dopo un vano inseguimento, Bert comincia a investigare e scopre che, da un libro dell’alchimista Alessandro Cagliostro (Palermo, 1743 - San Leo, 1795), è scomparsa una pagina che contiene una formula segreta.

Questa la trama dell’escape game che il museo olandese sta per lanciare e a cui tutti i visitatori potranno giocare dal 7 luglio al 2 settembre: in gruppi (da due a cinque persone) sarà possibile diventare investigatori per ritrovare la formula segreta e riportarla al sicuro nella Biblioteca del Rijksmuseum.

Si tratta di un gioco, spiega il museo in una nota, pensato per far vivere il Rijksmuseum in un modo nuovo e unico, aperto a tutti. Si può giocare ogni giorno alle 10 alle 17 (la durata prevista è di un’ora e mezza, il gioco si svolge su tutto il museo ed è aperto anche ai bambini, dai sei anni in su) e il costo è di 17,77 euro per gruppo (biglietto escluso). Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina dedicata sul sito del Rijksmuseum.

Il Rijksmuseum di Amsterdam lancia un escape game per diventare... investigatori nel museo
Il Rijksmuseum di Amsterdam lancia un escape game per diventare... investigatori nel museo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER