Il Mudec compie cinque anni. Una maratona di contenuti sui suoi canali social per festeggiare l'evento


Il Museo delle Culture di Milano ha festeggiato ieri il suo quinto compleanno. In questi cinque anni, il Mudec ha visto 3 milioni di visitatori, ha esposto 8.300 reperti dalle culture del mondo, e ha organizzato 55 mostre con più di 5.000 opere dai più grandi musei internazionali.

Per festeggiare l’anniversario della sua apertura avvenuta nel marzo del 2015, il Mudec offre sui suoi canali social come Facebook, Instagram e Twitter una maratona di contenuti speciali, iniziative, auguri e un grazie speciale ai bambini che hanno regalato al museo più di 300 disegni per festeggiare questo importante traguardo.

Il modello unico di governance pubblico-privato del Mudec ha fatto il resto in questo lustro di tempo, segnando il passo ogni anno con mostre e progetti espositivi che hanno avuto nello sviluppo di concept, contenuti e di nuovi format espositivi il proprio punto di forza, e nella ricerca di nuovi contenuti e nuove tendenze artistiche il proprio vettore trainante. Dai grandi della storia dell’arte come Gauguin, Klee e Kandinskij reinterpretati alla luce delle forti influenze culturali etnografiche (impronta distintiva del Mudec) fino ad arrivare a Frida Kahlo, la cui mostra presentata al Mudec è stata l’occasione inedita per presentare al pubblico il risultato degli ultimi studi pluriennali sui documenti emersi dalla Casa Azul.

Dalla storia dei popoli antichi ai grandi temi attuali della geografica antropica con il progetto Geografie del Futuro che ha portato in Italia la street art di Banksy. Prima dell’arte di strada ancora l’arte graffittara di Basquiat, segno dell’attenzione costante alla ricerca artistica contemporanea e all’approccio fresco e innovativo verso i giovani artisti contemporanei, come dimostra la scelta della prossima mostra personale di Zanele Muholi.

Come sappiamo, il Mudec ha dovuto chiudere temporaneamente al pubblico per l’emergenza Coronavirus, ma con l’iniziativa #MudecDelivery non si è mai veramente fermato. La maratona social del Mudec diventa quindi un incoraggiamento all’entusiasmo che non deve mai allentarsi, allo spirito di iniziativa che non deve mai venir meno, alla curiosità che non deve mai essere frenata, alla voglia di cultura, che non deve mai bloccarsi, perché “la cultura rende liberi”.

Il Mudec compie cinque anni. Una maratona di contenuti sui suoi canali social per festeggiare l'evento
Il Mudec compie cinque anni. Una maratona di contenuti sui suoi canali social per festeggiare l'evento


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma