Sul web è online la storia dei Musei Capitolini di Roma


Per #laculturaincasa i Musei Capitolini di Roma propongono la rubrica Museo dei Musei che ci accompagna attraverso la loro storia centenaria.

Dalla donazione dei bronzi conservati in Laterano da parte di papa Sisto IV nel 1471 alla istituzione del primo Museo moderno in Campidoglio nel dicembre del 1733, l’accrescimento delle collezioni capitoline è avvenuto attraverso l’acquisizione progressiva di tante opere d’arte e raccolte museali.

Il capitolo introduttivo, in due parti, è incentrato sulla donazione sistina e sui primi passi del museo settecentesco.

Per vedere il video, cliccate qui.

Sul web è online la storia dei Musei Capitolini di Roma
Sul web è online la storia dei Musei Capitolini di Roma


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Il MIC di Faenza arricchisce il percorso espositivo della collezione permanente
Il MIC di Faenza arricchisce il percorso espositivo della collezione permanente
Come apprese Francesco Sforza la nascita di suo figlio Ludovico? L'Archivio di Stato di Milano mostra la lettera
Come apprese Francesco Sforza la nascita di suo figlio Ludovico? L'Archivio di Stato di Milano mostra la lettera
Il MiBACT racconta i musei in linguaggio LIS
Il MiBACT racconta i musei in linguaggio LIS
Uffizi, la mecenate Veronica Atkins dona un milione di dollari per il restauro degli affreschi di Poccetti
Uffizi, la mecenate Veronica Atkins dona un milione di dollari per il restauro degli affreschi di Poccetti
La Fondation Beyeler riapre l'11 maggio e proroga la grande mostra dedicata a Hopper
La Fondation Beyeler riapre l'11 maggio e proroga la grande mostra dedicata a Hopper
Venezia, un nuovo direttore per Palazzo Grassi: è il francese Bruno Racine. Succede a Martin Bethenod
Venezia, un nuovo direttore per Palazzo Grassi: è il francese Bruno Racine. Succede a Martin Bethenod