Family Lab e performance. Le nuove proposte online del PAC


Il PAC  Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano presenta nuove proposte online per avvicinare il pubblico all’arte contemporanea.

Nuove proposte online per il PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano, in attesa di poter riaprire al pubblico, con l’obiettivo di coinvolgere e avvicinare tutti all’arte contemporanea.

Si parte dai Family LAB Digitali, brevi video pensati come un’estensione web dei laboratori per famiglie che la sede espositiva milanese organizza in occasione delle sue mostre: iniziando da un confronto tra due artisti, uno dei quali ha esposto in passato al PAC, per poi sperimentare e giocare insieme ispirati da un’opera o da una particolare tecnica. I laboratori sono pubblicati settimanalmente sul canale YouTube del PAC e sul sito.

Gli artisti che hanno lavorato nel corso degli anni con il PAC hanno inoltre reso disponibili i video delle performance realizzate nel Padiglione. Le performance saranno settimanalmente pubblicate sul canale YouTube del PAC e sul sito. 

Attraverso brevi videomessaggi, artisti, curatori, critici, editor, giornalisti, scrittori, musicisti, attori che collaborano con lo spazio espositivo raccontano ciò che non vogliono dimenticare del loro lockdown. I video sono pubblicati a puntate sul profilo Facebook e Instagram del PAC con #PAC&Fiends #nonvoglioscordare.

Immagine: Anna Maria Maiolino, Al di là di (2019; performance, PAC) Ph.Credit Lorenzo Palmieri

Family Lab e performance. Le nuove proposte online del PAC
Family Lab e performance. Le nuove proposte online del PAC


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma