Riapre Palazzo Reali del MASI di Lugano. Ecco le norme di visita da rispettare in Svizzera


Il 12 maggio 2020 riapre al pubblico Palazzo Reali del MASI di Lugano. Le norme previste dall’Associazione Svizzera dei Musei (AMS) in accordo con ICOM Svizzera.

Martedì 12 maggio 2020 riapre al pubblico la sede espositiva di Palazzo Reali del MASI di Lugano, seguendo uno specifico piano di protezione per la gestione del pubblico e dei collaboratori, al fine di consentire una visita nel pieno del rispetto delle norme di sicurezza. Le misure (consultabili a questo link) prevedono orari di apertura prolungati, distanza di sicurezza di due metri tra una persona e l’altra, un massimo di 27 persone all’interno del museo, segnaletica a pavimento, disinfettante per le mani e guanti monouso, sospese le visite guidate e le attività di mediazione culturale per gruppi.  

È pertanto visitabile la mostra Shunk-Kender. L’arte attraverso l’obiettivo (1957-1983) e la collezione permanente secondo le misure e le linee guida previste dall’Associazione Svizzera dei Musei (AMS) in accordo con ICOM Svizzera. La mostra è stata prorogata fino al 20 settembre 2020 grazie a un accordo con il Centre Pompidou di Parigi

La sede sarà inoltre aperta straordinariamente dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 18 e ogni primo giovedi del mese fino alle ore 20 (con ingresso gratuito nella fascia oraria tra le 17 e le 20).

 

Riapre Palazzo Reali del MASI di Lugano. Ecco le norme di visita da rispettare in Svizzera
Riapre Palazzo Reali del MASI di Lugano. Ecco le norme di visita da rispettare in Svizzera


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER