Il Rijksmuseum premia con 7.500 euro chi crea il proprio “capolavoro” ispirato alle opere del museo


Via all’edizione 2020 del Rijksstudio Award: inviate i vostri capolavori al Rijksmuseum di Amsterdam.

È partita l’edizione 2020 del Rijkstudio Award, il premio che il Rijksmuseum di Amsterdam assegna ai creativi, professionisti e non. Il meccanismo è semplice: basta creare un “capolavoro” che si ispiri a un’opera presente nella raccolta del museo olandese, inviarla e sperare di vincere. Il concorso ha preso ufficialmente il via il 1° novembre e per inviare la propria opera c’è tempo fino al 27 febbraio 2020. I vincitori saranno annunciati il 16 aprile 2020. Le categorie sono due: Rijksstudio Design Award, aperto a tutti, e Rijkstudio Young Talent Award, riservato agli under 21. Il vincitore del Rijksstudio Design Award sarà premiato con 7.500 euro, mentre 5mila euro andranno a chi vincerà il Rijkstudio Young Talent Award. Un ulteriore premio di 2.500 euro verrà vinto dall’opera più votata dal pubblico.

Ma, in sostanza, che tipo di opere si possono inviare? Basta dare un’occhiata ai design delle scorse edizioni: magliette, scarpe, lampadari, giocattoli, posateria, gioielli, abiti. Nell’edizione 2017 sono arrivati in finale persino profilattici, mascherine da letto, lenti a contatto. Insomma, non ci sono limiti alla fantasia. Il concorso è aperto a tutto il mondo (nel 2017 hanno partecipato concorrenti da 62 paesi diversi, Italia inclusa) e per saperne di più è possibile collegarsi al sito ufficiale del museo.

Il Rijksmuseum premia con 7.500 euro chi crea il proprio “capolavoro” ispirato alle opere del museo
Il Rijksmuseum premia con 7.500 euro chi crea il proprio “capolavoro” ispirato alle opere del museo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma