Saltano le trattative per il più grande museo al mondo dedicato a Picasso e Jacqueline


Sono saltate le trattative tra Catherine Hutin-Blay e la città di Aix-en-Provence per realizzare il più grande museo al mondo dedicato a Picasso e Jacqueline.

Sarebbe stato il più grande museo al mondo dedicato a Pablo Picasso e a Jacqueline Roque, sua seconda moglie, ma il progetto è saltato a causa delle trattative non andate a buon fine tra la figliastra dell’artista, Catherine Hutin-Blay, e la città di Aix-en-Provence che avrebbe dovuto ospitare la sede museale in un ex convento

Nel 2018 Catherine, figlia della seconda moglie di Picasso, Jacqueline Roque, aveva annunciato che desiderava acquistare l’ex Convento dei Predicatori Domenicani, situato ad Aix-en-Provence, per trasformarlo in un museo destinato a ospitare i duemila pezzi della sua collezione di opere del patrigno, ereditati dalla madre. 

Tuttavia, nel dicembre 2017, Hutin-Blay, proprietaria anche del castello di Vauvenargues, dove Picasso e la seconda moglie sono sepolti, era entrata in trattativa per comprare il convento per 11,5 milioni di euro. La città voleva però aumentare il valore della proprietà a 12,2 milioni di euro, in vista del successo in ambito turistico che avrebbe ottenuto il nuovo museo. 

Le trattative cominciarono a venire meno quando la città cercò di aggiungere come clausola che gli ambienti dell’ex convento, recentemente utilizzati come scuola, avrebbero dovuto ospitare un museo per almeno quindici anni dopo i lavori di adeguamento dell’edificio (i lavori sarebbero durati cinque anni, mentre nel progetto iniziale il museo avrebbe dovuto aprire nel 2021). 

Maryse Joissains, sindaco di Aix-en-Provence, ha scritto in un post su Facebook, che “la città doveva avere questa garanzia. Questa è l’ultima clausola che Catherine Hutin ha rifiutato di includere nel contratto di vendita, anche se all’inizio aveva accettato. Non potevamo correre il rischio che questo luogo cambiasse destinazione o fosse rivenduto rapidamente”. 

Il nuovo museo sarebbe stato intitolato a Jacqueline e Pablo Picasso e sarebbe stato incentrato sull’influenza della Roque sull’arte di Picasso. I due si conobbero nel 1953 e si sposarono nel 1961; il loro matrimonio durò fino alla morte dell’artista nel 1973. Nel corso di quegli anni, Picasso la dipinse in più di quattrocento ritratti. 

“Se Catherine Hutin-Blay dovesse cambiare idea e quindi accetttare la calusola” ha concluso Maryse Joissains “rilanceremo volentieri questo progetto”. 

Nell’immagine, Pablo Picasso e Jacqueline Roque nella loro casa di Vallauris nel 1961. Ph.Credit André Villers

 

Saltano le trattative per il più grande museo al mondo dedicato a Picasso e Jacqueline
Saltano le trattative per il più grande museo al mondo dedicato a Picasso e Jacqueline


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Parma, la Biblioteca Palatina digitalizza e mette online 35 antichi manoscritti greci
Parma, la Biblioteca Palatina digitalizza e mette online 35 antichi manoscritti greci
Dopo mesi ad Amsterdam, il San Giovanni Battista di Caravaggio e il Narciso tornano a Roma
Dopo mesi ad Amsterdam, il San Giovanni Battista di Caravaggio e il Narciso tornano a Roma
A Firenze, l'arte allevierà le pene dei bambini malati. Siglato un accordo tra Uffizi e Ospedale Meyer
A Firenze, l'arte allevierà le pene dei bambini malati. Siglato un accordo tra Uffizi e Ospedale Meyer
La Collezione Peggy Guggenheim ha perso milioni di euro e chiede aiuto con una raccolta fondi
La Collezione Peggy Guggenheim ha perso milioni di euro e chiede aiuto con una raccolta fondi
Pasticceria milanese crea panettoni con in regalo libro su Raffaello e ingressi al museo
Pasticceria milanese crea panettoni con in regalo libro su Raffaello e ingressi al museo
Parigi, via la numerazione romana dalle didascalie nei musei. “Un ostacolo alla comprensione”
Parigi, via la numerazione romana dalle didascalie nei musei. “Un ostacolo alla comprensione”