Tour virtuale nella casa di Monet a Giverny


La Fondation Monet apre le porte a tutti virtualmente per visitare la casa di Monet a Giverny, dove il pittore impressionista trascorse gli ultimi quarant’anni della sua vita.

Avete presente la casa di Monet a Giverny, rappresentata molte volte nei dipinti del pittore francese e celebre per il suo meraviglioso giardino pieno di fiori, tra cui le ninfee, e per l’immancabile ponte giapponese?

La Fondation Monet ha messo a disposizione di tutti un tour virtuale per entrare da casa vostra nella casa di Monet. 

Si parte dal piano terra per spostarsi nella grande sala da pranzo gialla, nella cucina caratterizzata da un tripudio di maioliche di colore bianco e blu, nel piccolo salone blu che custodisce la sua collezione di stampe, nella sala studio, dove il pittore realizzò molti dei suoi capolavori. Non mancano inoltre le opere giapponesi che per cui Monet aveva una certa predilezione. Andando al piano superiore dell’edificio, si accede poi alle camere da letto e ai bagni. 

Il celebre pittore impressionista visse qui quarant’anni della sua esistenza, dal 1883 al 1926, fino alla sua morte.

Sul sito della Fondazione è inoltre possibile conoscere dettagli e curiosità legati a questo luogo da sogno: dal Jardin d’Eau, ai fiori di Giverny, alla casa, al rapporto tra il pittore e il suo giardino, e interviste.  Un vero viaggio immersivo nel suo mondo.

Da qui è possibile accedere al tour virtuale. 

 

Tour virtuale nella casa di Monet a Giverny
Tour virtuale nella casa di Monet a Giverny


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma