Gli Uffizi dichiarano un +24% di visite questo fine settimana. Merito della Ferragni?


Gli Uffizi dichiarano +24% di visitatori questo fine settimana, il direttore Eike Schmidt attribuisce la crescita alla Ferragni. Sarà davvero così?

Alla fine, dopo le polemiche, arrivano i dati. Le Gallerie degli Uffizi hanno infatti dichiarato che, questo fine settimana, è stato registrato un +24% di visite rispetto al weekend precedente: in numeri assoluti, 9.312 visitatori tra venerdì 17, sabato 18 e domenica 19, contro i 7.511 della domenica precedente. Aumento consistente anche tra i giovani (ovvero tra i bambini e i ragazzi fino ai 25 anni): 3.600 questo fine settimana contro i 2.839 della settimana scorsa, un aumento di 761 unità corrispondente al 27% in più secondo quanto fa sapere il museo.

Siamo ovviamente lontani dagli standard tipici degli Uffizi, che nel 2019 era riuscito a toccare la media di oltre settemila visitatori al giorno: i numeri, in questa estate dominata dal coronavirus e con pochi turisti, sono ridotti di meno della metà, e ogni museo cerca di percorrere la sua strada per far arrivare gente. Gli Uffizi evidentemente hanno scelto quella degli influencer e dei personaggi noti.

Per il direttore Eike Schmidt non ci sono dubbi, è “effetto Ferragnez”, come fa sapere attraverso l’ufficio stampa: “in questo fine settimana”, ha dichiarato buttandola sul sarcasmo, “abbiamo visto, letto e sentito un sacco di tuttologi che ci hanno insegnato di tutto e di più. Alla luce di questi numeri posso solo dire che mi dispiace per loro... ”. Insomma, i numeri sono davvero giustificabili sulla sola base della fotografia di Chiara Ferragni in posa davanti alla Venere di Botticelli? La discussione è aperta.

Nella foto, Chiara Ferragni nel corridoio di Levante.

Gli Uffizi dichiarano un +24% di visite questo fine settimana. Merito della Ferragni?
Gli Uffizi dichiarano un +24% di visite questo fine settimana. Merito della Ferragni?


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma