Il Vittoriale riapre la Prioria, casa museo di Gabriele d'Annunzio


Il Vittoriale degli Italiani riapre la Prioria, ultima dimora di Gabriele d’Annunzio, dal 30 maggio al 2 giugno.

Dal 30 maggio al 2 giugno 2020 il Vittoriale degli Italiani riapre la Prioria, la casa di Gabriele d’Annunzio: saranno accessibili al pubblico quindi tutti gli spazi del Vittoriale, inclusi il Museo d’Annunzio segreto e l’Auditorium. Il parco è invece visitabile dal 18 maggio. 

La Prioria è l’ultima dimora di d’Annunzio: una casa museo arredata e decorata, simbolo del suo vivere inimitabile. Al suo interno sono custoditi circa 10mila oggetti e 33mila libri e su architravi e camini sono presenti frasi enigmatiche e motti, con un gioco continuo di rimandi. Vetrate dipinte, pesanti tendaggi, luci soffuse contribuiscono a rendere questo luogo molto suggestivo.

Per visitare la casa è necessario acquistare i biglietti online, sul sito del Vittoriale, e l’ingresso sarà a prezzo ridotto: 14 euro anziché 16, con un’ulteriore riduzione a 12 euro per famiglie, bambini e ragazzi dai 7 ai 18 anni e over 65. Solo quattro persone potranno accedere contemporaneamente alla casa, accompagnate dalla guida (cinque persone in caso di nucleo familiare). 

Per ulteriori informazioni telefonare al numero 0365 296501. 

Orari: dalle 10 alle 18.30. La biglietteria chiuderà alle 17.

Per acquistare i biglietti: https://bottega.vittoriale.it/#/scegli-una-data 

Nell’immagine, Stanza Leda Ph.Credit Marco Beck Peccoz 

Il Vittoriale riapre la Prioria, casa museo di Gabriele d'Annunzio
Il Vittoriale riapre la Prioria, casa museo di Gabriele d'Annunzio


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER