Bonisoli annuncia novità per i musei. La domenica gratis resta da ottobre a marzo, ingressi a 2 euro per i giovani


Il ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli ha annunciato alcune novità per i musei: la domenica gratis resta fino a marzo, ingressi a 2 euro per i giovani.

Con un post sulla sua pagina Facebook, il ministro dei beni culturali, Alberto Bonisoli, ha annunciato alcune novità per l’accesso ai musei. In particolare verrà stabilito un totale di venti giorni d’ingresso gratuito ogni anno in tutti i musei, così suddiviso: una settimana d’ingresso gratuito ovunque (a marzo 2019), sei domeniche a ingresso gratuito (da ottobre a marzo) e otto giornate d’ingresso gratuito lasciate a discrezione dei direttori dei singoli musei, che potranno deciderle senza limiti di calendario. Ancora, i direttori avranno la facoltà di stabilire fasce orarire che consentiranno al pubblico di entrare senza pagare il biglietto.

Ci sono poi novità che riguardano i giovani: se per gli under 18 l’ingresso continuerà a rimanere gratuito, i ragazzi dai 18 ai 25 anni potranno accedere in tutti i musei statali pagando solo 2 euro. “Vogliamo cambiare le cose in meglio”, ha dichiarato il ministro, “dobbiamo far crescere la fame di cultura nei giovani”.

Nella foto: Alberto Bonisoli

Bonisoli annuncia novità per i musei. La domenica gratis resta da ottobre a marzo, ingressi a 2 euro per i giovani
Bonisoli annuncia novità per i musei. La domenica gratis resta da ottobre a marzo, ingressi a 2 euro per i giovani


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER