Il ministro Bonisoli: anche i cinepanettoni e il Grande Fratello sono cultura


Per il ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli anche prodotti come i cinepanettoni e il Grande Fratello rientrano nell’offerta culturale.

Il ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli, intervenendo ieri alla trasmissione Un giorno da pecora su Rai Radio 1, ha voluto meglio rimarcare il suo concetto di cultura, già oggetto di diversi interventi negli ultimi giorni, durante i quali l’attuale ministro non ha fatto mistero di ritenere che tutto sia cultura e che non ci siano una cultura alta e una cultura bassa. “Noi possiamo lavorare molto proprio sul concetto di cultura”, ha affermato il ministro nel corso della trasmissione. “È qualcosa che è correlato, ma fino a un certo punto, all’economia. Perché secondo me abbiamo un po’ bisogno di riscoprire una libertà nel scegliere il tipo di cultura che vogliamo. Si è un po’ troppo distinto in passato secondo me tra cultura alta e cultura bassa. La cultura è quello che uno piace e che uno sceglie. Mi piacerebbe che ci fosse una massima libertà, non è che c’è un genere che va e l’altro che va”.

Quando i conduttori hanno chiesto al ministro se per lui anche i cinepanettoni sono cultura, Bonisoli ha risposto: “certamente. In Italia siamo specializzati nello scoprirlo dopo. Totò era un grande dopo, Franco e Ciccio dopo”. Stesse considerazioni per il Grande Fratello: “se a qualcuno interessa quel tipo di offerta culturale o di programma, gli piace e se ne fa una narrazione, quella può essere un’offerta culturale. Tutto può essere cultura”.

Nell’immagine: il ministro Bonisoli a Un giorno da pecora

Il ministro Bonisoli: anche i cinepanettoni e il Grande Fratello sono cultura
Il ministro Bonisoli: anche i cinepanettoni e il Grande Fratello sono cultura


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Riforma, critiche dal collettivo Mi Riconosci: “Il Ministero dei Beni Culturali punta alla privatizzazione dei musei”
Riforma, critiche dal collettivo Mi Riconosci: “Il Ministero dei Beni Culturali punta alla privatizzazione dei musei”
Roma, il 6 ottobre la più grande manifestazione di sempre dei lavoratori della cultura. Ecco le ragioni
Roma, il 6 ottobre la più grande manifestazione di sempre dei lavoratori della cultura. Ecco le ragioni
Tutela e valorizzazione “obiettivi prioritari” del governo M5S-Pd-LeU: ecco il programma definitivo
Tutela e valorizzazione “obiettivi prioritari” del governo M5S-Pd-LeU: ecco il programma definitivo
Opere trafugate dall'Italia e finite all'estero, ecco cosa è stato detto alla riunione del MiBAC
Opere trafugate dall'Italia e finite all'estero, ecco cosa è stato detto alla riunione del MiBAC
Bonisoli, MiBAC: per il 2019 vorrei lanciare un concorso da 2.000 posti
Bonisoli, MiBAC: per il 2019 vorrei lanciare un concorso da 2.000 posti
Genova, soprintendente suggerisce blocco graduatorie degli storici dell'arte, il ministro scherza: “Io abolirei la storia dell'arte”
Genova, soprintendente suggerisce blocco graduatorie degli storici dell'arte, il ministro scherza: “Io abolirei la storia dell'arte”