Il ministro Bonisoli: “Collaboreremo con la Francia per celebrare Leonardo. Presto l'elenco delle opere che andranno in prestito”


La Francia e l'Italia collaboreranno nell'ambito delle celebrazioni per Leonardo da Vinci del 2019 e per Raffaello nel 2020. La volontà è emersa da un confronto tra i ministri della cultura dei due paesi.

Il ministro dei beni culturali, Alberto Bonisoli, ha incontrato a Milano, a Palazzo Litta (sede della Soprintendenza), il ministro della cultura francese Franck Riester, in un bilaterale all’insegna delle collaborazioni per il cinquecentenario leonardiano. L’Italia, ha assicurato il ministro Bonisoli, collaborerà attivamente con la Francia in vista dell’appuntamento, prestando le sue opere per le mostre che la Francia realizzerà, e a sua volta i francesi ricambieranno aiutando l’Italia in occasione del cinquecentenario della scomparsa di Raffaello, che cadrà l’anno prossimo.

“Siamo molto lieti”, ha dichiarato Bonisoli, “che la Francia celebri la grandezza di Leonardo. Un genio italiano apprezzato anche da re Francesco I alla cui corte l’artista, originario di Vinci, trascorse gli ultimi anni della sua vita. Credo che l’Italia e la Francia possano collaborare insieme per rendere più maestose le celebrazioni su Leonardo, dimostrando così che l’arte, e più in generale la cultura, sono strumenti di dialogo senza confini o restrizioni. Allo stesso modo sono certo che ci sarà la più ampia collaborazione tra i nostri Paesi anche per le celebrazioni su Raffaello”.

Presto verrà stilato l’elenco delle opere che andranno in prestito: si parla sia delle opere che lasceranno l’Italia per le celebrazioni di Leonardo da Vinci in Francia (il paese transalpino è coinvolto dal momento che il genio toscano trascorse in Francia il periodo estremo della sua vita, morendo ad Amboise nel 1519), sia di quelle che da oltralpe arriveranno in Italia per le mostre su Raffaello.

Sempre durante l’incontro, il ministro Bonisoli ha accettato l’invito di Riester a partecipare al Salon du Livre di Parigi a metà marzo: inoltre, l’Italia sarà nazione ospite d’onore al Salon del 2021. E ancora, Bonisoli ha proposto di dar vita a un grande forum culturale in autunno per permettere a Francia e Italia di confrontarsi sul tema delle industrie culturali e creative: si parlerà, in particolare, di cinema, musica e audiovisivo.

Nell’immagine, il ministro Bonisoli con il suo omologo Riester.

Il ministro Bonisoli: “Collaboreremo con la Francia per celebrare Leonardo. Presto l'elenco delle opere che andranno in prestito”
Il ministro Bonisoli: “Collaboreremo con la Francia per celebrare Leonardo. Presto l'elenco delle opere che andranno in prestito”


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Niente nuovi assunti al Ministero. Assunzioni nella pubblica amministrazione bloccate fino a novembre 2019
Niente nuovi assunti al Ministero. Assunzioni nella pubblica amministrazione bloccate fino a novembre 2019
Introiti del Lotto per la cultura, fondo per piccoli musei e molto altro: ecco cosa c'è per la cultura nella manovra
Introiti del Lotto per la cultura, fondo per piccoli musei e molto altro: ecco cosa c'è per la cultura nella manovra
Tensione USA-Iran, l'Unesco ricorda che entrambi hanno ratificato le convenzioni per la protezione dei beni culturali
Tensione USA-Iran, l'Unesco ricorda che entrambi hanno ratificato le convenzioni per la protezione dei beni culturali
L'ex ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli è il nuovo presidente di Formez PA
L'ex ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli è il nuovo presidente di Formez PA
Chi sarà il prossimo ministro dei beni culturali? Il totoministri con i possibili nomi
Chi sarà il prossimo ministro dei beni culturali? Il totoministri con i possibili nomi
Il soprintendente di Roma alla Stampa: “riflettere sulla riforma Franceschini”
Il soprintendente di Roma alla Stampa: “riflettere sulla riforma Franceschini”