Cultura, ecco i tre sottosegretari del governo Meloni: Sgarbi, Borgonzoni e Mazzi


Si è chiuso oggi il Consiglio dei Ministri del governo Meloni nel corso del quale è stata varata anche la lista dei sottosegretari. Alla cultura vanno Vittorio Sgarbi, Lucia Borgonzoni e Gianmarco Mazzi.

Si è da poco concluso il primo Consiglio dei Ministri del governo Meloni nel corso del quale è stata varata anche la lista dei sottosegretari. Alla cultura vanno ben tre sottosegretari, numero condiviso soltanto con il Ministero degli Interni e con il Ministero dell’Economia. I tre sottosegretari sono Vittorio Sgarbi, Lucia Borgonzoni e Gianmarco Mazzi.

Vittorio Sgarbi, ferrarese, classe 1952, è figura ben nota anche al di fuori dell’ambiente della cultura: storico dell’arte e critico, personaggio televisivo, oltre che politico di lungo corso, è già stato sottosegretario ai beni culturali tra il 2001 e il 2002, durante il secondo governo Berlusconi, quando ministro della cultura era Giuliano Urbani. Per Sgarbi si tratta dunque di un ritorno a vent’anni esatti di distanza.

Per Lucia Borgonzoni, bolognese, classe 1976, si tratta invecedi una conferma: era infatti sottosegretaria uscente alla cultura nel governo Draghi. Per lei, è la terza volta nello stesso ruolo: era stata sottosegretaria anche con il governo Conte I, tra il giugno 2018 e il settembre 2019, con il ministro Alberto Bonisoli. Laureata all’Accademia di Belle Arti di Bologna, è figlia dell’architetto Giambattista Borgonzoni e nipote del pittore Aldo. Ha lavorato come designer di interni prima di dedicarsi completamente alla politica tra le fila della Lega, partito con cui è tesserata dal 1992. In qualità di sottosegretaria si è occupata soprattutto di cinema e spettacolo dal vivo.

La novità assoluta è Gianmarco Mazzi, veronese classe 1960, manager e dirigente d’azienda (è amministratore delegato della società Arena di Verona), oltre che autore televisivo: sarà il sottosegretario in quota Fratelli d’Italia, partito con il quale è stato eletto deputato per la prima volta alle elezioni appena concluse. La sua carriera si è tutta svolta nell’ambito dello spettacolo e della televisione: è noto per essere stato manager di diversi artisti (tra cui Adriano Celentano e Francesco Baccini), per aver avviato il progetto Nazionale Italiana Cantanti e per aver promosso numerose iniziative discografiche.

Cultura, ecco i tre sottosegretari del governo Meloni: Sgarbi, Borgonzoni e Mazzi
Cultura, ecco i tre sottosegretari del governo Meloni: Sgarbi, Borgonzoni e Mazzi


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


MiC, c'è un problema: stanno per arrivare i fondi del PNRR ma manca il personale
MiC, c'è un problema: stanno per arrivare i fondi del PNRR ma manca il personale
Il presidente Mattarella: “l'arte è una parte irrinunciabile della vita sociale”
Il presidente Mattarella: “l'arte è una parte irrinunciabile della vita sociale”
Tomaso Montanari si dimette dal CS Beni Culturali. “Arroganza Franceschini su nomina De Pasquale”
Tomaso Montanari si dimette dal CS Beni Culturali. “Arroganza Franceschini su nomina De Pasquale”
Tutti (o quasi) contro la proposta di Calenda sui musei. Cosa ne pensano gli addetti ai lavori
Tutti (o quasi) contro la proposta di Calenda sui musei. Cosa ne pensano gli addetti ai lavori
Su De Pasquale interviene anche Franceschini: “dirigente idoneo e ha dissipato ogni dubbio”
Su De Pasquale interviene anche Franceschini: “dirigente idoneo e ha dissipato ogni dubbio”
Il lavoro culturale va pagato: la Commissione Cultura del Senato approva mozione
Il lavoro culturale va pagato: la Commissione Cultura del Senato approva mozione