Il ministro dei beni culturali Dario Franceschini: “Lavoreremo per fare nuove e periodiche assunzioni”


Il ministro dei beni culturali Dario Franceschini incontra i sindacati: “lavoreremo per fare nuove e periodiche assunzioni”

Il ministro dei beni culturali Dario Franceschini ha incontrato ieri i sindacati del ministero presso la sede del Collegio Romano a Roma. Il ministro, nel corso dell’incontro, ha fatto sapere che non ci saranno altre riforme radicali: “è sbagliato che a ogni cambio di governo si metta mano alla macchina organizzativa dei ministeri”, ha detto Franceschini: “i troppi cambiamenti hanno fatto male”. Per questo motivo, ha spiegato, “non abbiamo intenzione di fare alcuna ‘riforma della controriforma della riforma’ ma metteremo in campo alcuni interventi correttivi necessari a riportare il turismo in capo al Mibact e a consolidare la struttura, specialmente nelle articolazioni periferiche, tenendo conto anche dei suggerimenti che abbiamo ricevuto oggi e che riceveremo nei prossimi mesi dai sindacati”.

C’è stato poi un importante passaggio sul tema delle assunzioni: “se nel mio precedente incarico mi sono impegnato per aumentare fortemente le risorse del ministero e per i cantieri della cultura”, ha concluso il ministro, “in questo mandato lavorerò per rafforzare la pianta organica attraverso nuove e periodiche assunzioni e per superare alcune problematiche contrattuali a partire dalle ingiustificate differenze delle indennità del personale del Mibact rispetto agli altri ministeri”.

Il ministro dei beni culturali Dario Franceschini: “Lavoreremo per fare nuove e periodiche assunzioni”
Il ministro dei beni culturali Dario Franceschini: “Lavoreremo per fare nuove e periodiche assunzioni”


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER