Franceschini promette: “il governo rafforzerà gli investimenti sui restauri per tutelare il patrimonio”


Il ministro dei beni culturali Dario Franceschini promette che il governo rafforzerà gli investimenti in restauri e tutela.

Il governo giallorosso aumenterà gli investimenti in restauri e tutela del patrimonio. Lo ha promesso stamani il ministro dei beni culturali Dario Franceschini intervenendo all’inaugurazione della XXVI edizione del Salone Internazionale del Restauro, dei Musei e delle Imprese culturali di Ferrara (peraltro città natale del ministro). “Quello del restauro”, ha dichiarato Franceschini, “è un settore in forte crescita, un’eccellenza italiana riconosciuta in tutto il mondo su cui il governo rafforzerà gli investimenti sia per il dovere costituzionale di tutelare il patrimonio culturale sia per supportare le imprese dei beni culturali che operano nel nostro paese”.

Il ministro ha poi ulteriormente ribadito che quello del restauro in Italia è un settore d’eccellenza: “dobbiamo continuare a investire con forza sulle eccellenze che abbiamo in Italia dall’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro, all’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, all’Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario, ai tanti restauratori impegnati nei cantieri della cultura e che operano quotidianamente nei musei, nei parchi archeologici, nelle biblioteche, negli archivi e nelle strutture periferiche del Ministero”.

Franceschini promette: “il governo rafforzerà gli investimenti sui restauri per tutelare il patrimonio”
Franceschini promette: “il governo rafforzerà gli investimenti sui restauri per tutelare il patrimonio”


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER