La ricetta di Tomaso Montanari: 6.000 assunzioni, musei sempre gratis per tutti, storia dell'arte a scuola


Lo storico dell’arte Tomaso Montanari ha già inviato le sue proposte dopo l’insediamento del Team del Futuro del Movimento 5 Stelle, di cui è entrato a far parte (anche se da “esterno”, come si è più volte premurato di specificare sui suoi canali social) per l’area Istruzione, Ricerca e Futuro guidata dall’ex iena Dino Giarrusso.

Montanari ha pubblicato un post sul suo blog dove afferma di aver proposto un documento al team grillino, con l’obiettivo di dare una risposta a quelli che, a suo avviso, sono i tre principali problemi del “paesaggio e del patrimonio storico e artistico della nazione”, ovvero “la mancanza di personale che impedisce la tutela del territorio dalla cementificazione e dalla speculazione edilizia e non permette di fare tutela e produrre e redistribuire conoscenza nel patrimonio”, la “mercificazione, privatizzazione, monetizzazione di una grande risorsa civile e culturale” e la “mancanza di conoscenza diffusa”.

Secondo Montanari, l’azione dell’attuale ministro per i beni culturali, Dario Franceschini, “non ha risolto il primo problema e ha notevolmente aggravato il secondo”, e di conseguenza, per lo storico dell’arte fiorentino, occorrono tre provvedimenti: il primo sarebbe il ripristino del turn over pieno per i beni culturali (un’assunzione per ogni pensionamento), da unire “immediatamente ad almeno 6000 assunzioni di bibliotecari, archivisti, storici dell’arte, archeologi e di tutte le professionalità del patrimonio”. Il secondo consisterebbe nell’“istituire subito l’ingresso gratuito per tutti in tutti i musei e luoghi della cultura statale” (per le coperture, Montanari propone di tagliare l’equivalente di “tre giorni di spesa militare su 365”), il terzo è l’“introduzione dell’insegnamento di storia dell’arte e del patrimonio culturale in tutte le scuole di ogni ordine e grado”.

Dopodiché, conclude Montanari, “occorrerà inoltre profondamente l’attuale assetto delle inefficaci soprintendenze uniche, arrestare la corsa dei musei statali autonomi verso la trasformazione in fondazioni private e abrogare le parti dello Sblocca Italia e della Legge Madia che sottopongono gli organi della tutela ai poteri esecutivi”.

La ricetta di Tomaso Montanari: 6.000 assunzioni, musei sempre gratis per tutti, storia dell'arte a scuola
La ricetta di Tomaso Montanari: 6.000 assunzioni, musei sempre gratis per tutti, storia dell'arte a scuola


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma